Jim Cornette critica Johnny Gargano e Candice LeRae

Jim Cornette critica Johnny Gargano e Candice LeRae

La dura critica dell'ex WWE verso i due personaggi di NXT

Jim Cornette, storica personalità del pro-wrestling made in USA è famosissimo per i suoi commenti poco carini nei confronti di tutti quei lottatori o quei match che non si avvicinano ai suoi standard e, a quanto pare, neanche Johnny Gargano e Candice LeRae rientrano tra i suoi preferiti.

Le parole dure di Jim Cornette

Durante l’ultimo episodio del suo podcast, Cornette ha parlato dell’utilizzo di Gargano oggi a NXT. Un utilizzo definito dall’ex booker WCW e WWE come inutile in quanto si è domandato, col suo caratteristico modo, perché lui e la moglie Candice LeRae vengano costantemente inclusi negli show di NXT considerando la loro scarsa personalità e le loro lacune in tutti i fattori. Ecco le sue parole:

Non so perché mettono questi due nello show costantemente. Anche se lui è bravo… ma lei? È semplicemente una lottatrice qualunque, a chi importa? Lui, tecnicamente è un buon performer. Certo, se non fosse per la sua stazza insufficiente, la sua scarsa personalità, il suo insopportabile stile da falso che usa nelle interviste e tanto altro ancora, sarebbe perfetto. Dategli un contratto da allenatore, sa fare tutte le mosse. Usatelo come modello per i videogame.
Sa fare tutte le mosse ma quel ragazzo non è un personaggio televisivo che la gente vuole vedere. Gli unici che lo vogliono vedere sono quelli che vogliono vedere quelle mosse che fa lui.

Anche questa volta, Jim Cornette non si è risparmiato, vedremo se ci saranno repliche. Restate connessi su The Shield Of Wrestling per tutti gli aggiornamenti.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff, ci sono diverse posizioni disponibili, se sei interessato CLICCA QUI

Ora è possibile acquistare la prima rivista dedicata al wrestling italiano. CLICCA QUI!



Seguici su Google News

Altre storie
Owen Hart: svelati ulteriori dettagli sulla sua morte
Owen Hart: svelati ulteriori dettagli sulla sua morte