Stone Cold è stato protagonista di diverse puntate del proprio podcast sul WWE Network. Nell’agosto del 2016 il WWE Champion di quell’epoca, Dean Ambrose (ora Jon Moxley), ne fu ospite, risultando particolarmente a disagio durante tutta l’intervista.

Di recente, Jon Moxley ha spiegato le ragioni del suo atteggiamento distaccato e del suo sentirsi a disagio durante il podcast del Rattlesnake, parlandone al “The Wade Keller Pro Wrestling Podcast“. L’ex Dean Ambrose ha rivelato che un producer della compagnia, poco prima della sua apparizione, lo ha contattato facendogli alcune domande sulla sua vita privata e passata. Moxley, dal canto suo, non voleva che la sua infanzia diventasse di pubblico dominio. Richiesta che venne, però, completamente ignorata dalla WWE.

Stone Cold cominciò a chiedere all’ex Ambrose della sua infanzia all’inizio dello show, e da lì l’intervista divenne scomoda per il membro dello Shield. Jon Moxley ha rivelato di essersi sentito preso in giro dalla compagnia e psicologicamente abbattuto. L’intervista sembrò volgere nel verso giusto quando si iniziò a parlare di pro wrestling, ma tornò dall’atmosfera glaciale e di disagio ogni qual volta si ricominciò a parlare del passato e della vita privata di Moxley.

In aggiunta, l’ex mastino dello Shield ha detto che se fosse stata una qualunque intervista se ne sarebbe andato nel bel mezzo, ma non l’ha fatto per il suo rispetto verso Steve Austin. Rivelando, inoltre, di essersi particolarmente arrabbiato quando Austin gli ha detto che diversi talenti oggi sono impauriti di andare fuori dallo script per il terrore di essere licenziati.

Pare anche che Austin gli abbia detto pubblicamente di essere più tagliente, ma Moxley si trovava in una posizione ambigua, non potendo andare nel dettaglio dato il suo contratto con la compagnia di Stamford e il fatto che fosse ripreso dalle telecamere.

L’ex Dean Ambrose ha detto, inoltre, che sarebbe molto felice se gli dovesse ricapitare l’occasione di un’altra intervista con il Texas Rattlesnake ora che non è più sotto contratto con la WWE. Quella con l’attuale Moxley ospite, per giunta, è stata l’ultima puntata del podcast di Stone Cold andata in onda sul Network. Austin si è chiesto spesso cosa non avesse funzionato in quell’intervista, e molti la ritengono il motivo della cancellazione dello show.

Ambrose raccolse le conseguenze di quella situazione, facendo uscire le voci di una sua sconfitta nel match valevole per il titolo WWE, da lui detenuto, contro Dolph Ziggler a SummerSlam 2016. La cosa non avvenne, ma perse comunque la cintura poco meno di un mese dopo contro AJ Styles a Backlash.