Dopo aver visto Money In The Bank, andiamo ad analizzare i punti salienti della serata di Hartford con gli Ups&Downs di Beppe “HBK” Ieno

E’ terminata da pochissime ore l’edizione 2019 di Money In The Bank, il PPV dove ha come piatto principale i Ladder Match con le valigette maschili e femminili in palio. La serata delll’XL Center di Hartford, avrà regalato emozioni? Oppure avrà riservato qualche delusione di troppo? Lo scopriamo subito con gli Ups&Downs dell’evento.

UPS

– MONEY IN THE BANK LADDER MATCH MASCHILE

A chiudere Money In The Bank ci ha pensato il Ladder Match maschile; a differenza dell’anno scorso, l’incontro è stato molto piacevole, con i 7 atleti (in particolar modo Ricochet, Alì e Drew McIntyre) che si sono resi protagonisti di alcune manovre interessanti. Non verrà ricordato come il miglior Money In The Bank Ladder Match della storia, ma, oltre ad essere superiore rispetto all’anno passato, il finale ha regalato un qualcosa di clamoroso. Nel momento in cui l’atleta indiano si è ritrovato sulla scala, è risuonata la musica di Brock Lesnar (in sostituzione di Sami Zayn), che ha atterrato Alì ed è salito per prendere la valigetta e vincere l’incontro, facendo restare di stucco l’intera arena di Hartford.

– BAYLEY NUOVA CAMPIONESSA DI SMACKDOWN

L’altra grande sorpresa della serata riguarda sicuramente l’incasso immediato di Bayley che, dopo aver vinto il Money In The Bank Ladder Match femminile, è salita sul ring per difendere Becky Lynch, sconfitta pochi istanti dalla momentanea campionessa Charlotte Flair e Lacey Evans. La Hugger non solo ha steso la Queen, aiutando l’irlandese, ma ha deciso di voler subito la chance titolata (come Alexa Bliss un anno fa) e ha conquistato in pochissimi minuti la cintura del roster blu.

– UNIVERSAL CHAMPIONSHIP & WWE CHAMPIONSHIP

Entrambi i match per i titoli massimi sono da considerare ampiamente positivi. L’incontro tra Seth Rollins ed AJ Styles, nonostante una costruzione a dir poco pessima limitata solo alle parole, è stato molto piacevole, con un ottimo finale e una parte centrale intensa. La stretta di mano finale tra il campione universale e il Phenomenal One ha (per ora) rinviato un possibile Turn Heel di AJ. Meno brillante ma più che sufficiente è stata la contesa valevole per il WWE Championship tra Kofi Kingston e Kevin Owens, con il ghanese che ha mantenuto nuovamente la cintura.

DOWNS

– THE MIZ VS SHANE MCMAHON

Lo Steel Cage Match tra The Miz e Shane McMahon ha regalato un discreto lottato, ma anche un finale molto discutibile. A trionfare è stato ancora una volta il figlio di Vince, che ha replicato la vittoria di WrestleMania 35; per riuscire ad evadere dalla gabbia, Shane si è tolto la maglia utilizzata nel combattimento ed è riuscito ad atterrare fuori dal ring, aggiudicandosi la contesa e a rendere vano l’intervento disperato del Magnifico, ancora una volta rimasto a bocca asciutta.

– MONEY IN THE BANK LADDER MATCH FEMMINILE

La serata si è aperta con la terza edizione del Money In The Bank Ladder Match femminile, dove ha prevalere è stata Bayley che, come detto in precedenza, ha voluto emulare Alexa Bliss incassando e vincendo subito il titolo nella stessa sera. L’incontro però, non è stato per niente esaltante, complice anche una lista di partecipanti non proprio di primo piano, dove il leitmotiv dell’incontro è stato il continuo aiuto di Sonya Deville nei confronti di Mandy Rose, anche se alla fine la Hugger ha spazzato via ogni sogno di gloria. Tuttavia, la contesa non è per niente avvicinato ai livelli di imbarazzo di quella del 2017.

Considerazioni generali

Money In The Bank 2019 può essere definito come un PPV apprezzabile, nonostante il poco hype dovuto alla pessima costruzione dell’evento. Le due grosse sorprese riguardano senza dubbio la vittoria della valigetta da parte di Brock Lesnar, l’incasso immediato di Bayley e la conquista del titolo US da parte di Rey Mysterio; la qualità del lottato è stata discreta, anche se non mancano le stonature come il Ladder Match femminile e la conclusione dell’incontro tra Shane McMahon e The Miz.