Carissimi lettori di The Shield of Wrestling, alla tastiera c’è il vostro Phoenix pronto a raccontarvi quanto succederà durante NXT Takeover: WarGames II. Buona lettura!

•KICKOFF SHOW:

•Siamo ufficialmente in diretta e, come di consueto, inizia il countdown per l’evento principale. Charly Caruso, Sam Roberts e Pat Mcafee, situati al pannello centraleci terranno compagnia durante l’attesa. Ci viene mostrato un video recap relativo alla rivalità fra The Velveteen Dream e Tommaso Ciampa. Vi ricordiamo che i due collideranno per l’NXT Championship. Manca circa 20 minuti all’inizio dello show vero e proprio, e i nostri fantastici 3 vengono raggiunti da Nita Strauss, famosa chitarrista statunitense. Quest’ultima si dice molto eccitata per il match femminile. Matt Riddle raggiunge il pannello di controllo e dà inizio a del sano cameratismo in compagnia di Pat. Sopraggiunge anche Kassius Ohno, il quale non vede l’ora di collidere con Matt questo giovedì. Riviviamo, tramite i soliti video recap, quanto successo nella prima edizione del WarGames targato NXT. Dopodiché, siamo decisamente pronti per iniziare!

Mauro Ranallo, Percy Watson e Nigel McGuinness ci danno il benvenuto. D’un tratto, nell’arena, risuona la theme song di Matt Riddle che prende il controllo del ring. L’ex EVOLVE manda delle frecciatine a Kassius Ohno, il quale non si fa mettere i piedi in testa e acconsente a disputare il match.

•SINGLE MATCH: MATT RIDDLE V. KASSIUS OHNO

Kassius parte di gran carriera, ma viene intercettato da un High Knee Strike: 1…2…3!

VINCITORE: MATT RIDDLE

Ohno cerca di prendersi una piccola vendetta, ma si regge a malapena in piedi.

Dopo aver archiviato questa piccola questione, siamo pronti ad immergerci nell’azione più totale!

•2-OUT-OF-3 FALLS NXT WOMEN’S CHAMPIONSHIP MATCH: SHAYNA BASZLER (c) V. KAIRI SANE

Kairi segue l’esempio di Kassius Ohno e riesce perfettamente a tenere la situazione. Le due si spostano all’esterno del ring, dove Kairi viene attaccata da Marina Shafir e Jessamyn Duke. Shayna la chiude nella Kirifuda Clutch e il primo punto va a lei.

Passiamo alla fase successiva, che vede la nipponica subire colpi decisamente stiff. Riesce però ad evadere dalla Kirifuda Clutch e a connettere una DDT micidiale con atterraggio sull’apron ring. Kairi riesce anche a neutralizzare le Four Horsewomen della UFC, per poi abbatterle con un volo dalla terza corda. L’opportunità è irripetibile e dunque connette l’Insane Elbow: 1…2…3! Primo punto per Kairi!

Siamo dunque giunti ai titoli di coda. Le due battagliano per un breve periodo presso il paletto, ed è qui che Shayna subisce una Sunset Flip Powerbomb: solo 2. La Sane cerca di eseguire nuovamente l’Insane Elbow, ma le scagnozze della Baszler interferiscono. Dakota Kai corre ad aiutare l’amica, in suo supporto c’è anche Io Shirai, che mette fine ai giochi con un Moonsault. Kairi va di Insane Elbow, ciononostante Shayna reversa in un Crucifix Pin: 1…2…3!

VINCITRICE E ANCORA CAMPIONESSA: SHAYNA BASZLER

•X-Pac e il suo cagnolino si trovano fra il pubblico.

•SINGLE MATCH: JOHNNY GARGANO V. ALEISTER BLACK

Dopo i soliti screzi iniziali i due iniziano a fare sul serio. Dinamica fase di studio fra i due, che vede diversi capovolgimenti di fronte. Aleister passa in vantaggio con alcune delle sue manovre più importanti, ciononostante non riesce ad imporsi definitivamente. Aleister cerca di replicare la Tope con Hilo, ma viene steso da due DDT, di cui una all’interno del ring: solo 2. Scambio di colpi fra i due, ed è Black ad avere l’ultima parola con un Running High Knee. Gargano si riprende e cerca di capitalizzare con il Superkick, Aleister lo invita a colpirlo con il suo colpo migliore e viene decisamente accontentato: 1…2…NOOO! I due battagliano ininterrottamente, Aleister viene scaraventato all’esterno del ring ma riesce ad intercettare il Suicide Dive con una precisa ginocchiata. Gargano si vendica e schiva la Black Mass, per poi applicare la GargaNO Escape, successivamente rotta da Aleister, il quale si scopre il ginocchio. Serie di ginocchiate, ed ecco la Black Mass! Aleister non è contento, e ne esegue un’altra: 1…2…3!

VINCITORE: ALEISTER BLACK

Dopo una piccola pausa siamo pronti al penultimo match della serata!

•NXT CHAMPIONSHIP MATCH: TOMMASO CIAMPA (c) V. THE VELVETEEN DREAM

I due rivali non si risparmiano e danno fin da subito il loro meglio. Velveteen viene privato della sua fascia per capelli, prendendola malissimo. Velveteen distrae il campione prendendo la sua cintura, ed è così che ottiene nuovamente la sua preziosa fascia. Dream omaggia Hulk Hogan con le sue trademark e manovre, ma poi adotta uno stile decisamente più dinamico, che gli costa una Clothesline che lo scaraventa  all’esterno del ring. Ciampa connette un tremendo Running Knee Strike all’angolo, per poi danneggiare ulteriormente il suo avversario all’esterno del quadrato. Dream viene chiuso in una Rear Chin Lock, ma riesce a sfuggire dall’incubo solo con una Backslide: solo 1. Velveteen connette una serie di 3 Leg Drop seguiti da una Spinebuster: solo 2. Dream applica una Figure Four Leglock con l’aiuto del paletto; la rompe a causa del regolamento, ma la usa nuovamente all’interno del ring. Ciampa trova le corde. La battaglia prosegue senza sosta, Ciampa cerca il Roll-Up, lo ottiene ma l’arbitro si accorge che sta tenendo l’attire di Dream. Superkick dell’ex Tough Enough: 2. Tommaso va a segno con la Project Ciampa, ma incredibilmente non è abbastanza.

Tommaso prende la cintura, ma gli viene girata contro: DDT sulla cintura! Ancora 2! Il campione risponde allo stesso modo, ma è 2.

Ciampa toglie il tappetino protettivo che fa da ornamento all’esterno del ring, cerca una DDT, ma entrambi si proiettano contro il tavolo di commento. Tommaso perde tempo ad attaccare Mauro Ranallo, subisce una combo Rolling Death Valley Driver & Purple Rainmaker: non basta. Tommaso schiva l’ennesima Purple Rainmaker, connettendo poi una DDT con atterraggio sulla struttura di ferro che collega i due ring: 1…2…3!

VINCITORE E ANCORA CAMPIONE: TOMMASO CIAMPA

Siamo dunque pronti per il main event!

•WARGAMES MATCH: THE UNDISPUTED ERA V. THE WAR RAIDERS, RICOCHET & PETE DUNNE

Ricochet e Adam Cole fanno da preludio all’inizio effettivo del match. Gli altri sono rinchiusi in una gabbia per squali, ed entreranno ad alternanza ogni 5 minuti. L’atmosfera si fa decisamente calda e ostica per Cole, ma in suo aiuto accorre Kyle O’Reilly. Ricochet si trova in netto svantaggio, ma anche per lui c’è un aiuto: Hanson dei War Raiders. Il colosso riesce a mettere KO tutti i suoi nemici. I minuti scorrono velocemente e Roderick Strong entra a far parte del match. L’UE prende un vantaggio considerevole, ma Rowe ristabilisce le gerarchie. Bobby Fish viene liberato, ma preferisce attaccare Pete Dunne e mettere un altro lucchetto alla gabbia, per poi lanciarla da qualche parte.

L’Undisputed Era passa nettamente in vantaggio anche grazie alle numerose sedie brandite da tutti i membri. 

Pete dovrebbe logicamente entrare, tuttavia non si sa dove sia finita la chiave. Intervengono molteplici direttori di gara che rompono le catene con una cesoia. Dunne prende una kendo stick, due bidoni, due tavoli ed entra a far parte dell’incontro. Ormai è tutto ufficiale! L’Undisputed Era riceve un pestaggio degno di nota, che si prolunga per svariati minuti. I 4 prendono di mira Rowe e lo mettono letteralmente in ginocchio, mentre Ricochet subisce alcune signature moves da parte di Adam e Roddy. Pete Dunne è l’unico face in piedi, respinge bene l’Undisputed Era e applica una Kneebar su Bobby Fish, rotta poi da Kyle. Quest’ultimo incatena Dunne e applica una Ankle Lock: l’UE su mette a difesa del secondo ring per fermare i War Raiders, ma non possono nulla contro l’agilità di Ricochet. I face sono nuovamente passati in vantaggio.

Hanson e Rowe apparecchiano due tavoli e su uno viene posizionato Cole. Il tavolo si rompe.

Pop Up Powerslam dei War Raiders su Cole: Kyle interrompe. Rowe cerca di schiantare O’Reilly contro un tavolo, ma Fish capovolge la situazione. Ricochet viene chiuso in una Triangle Lock, che Hanson rompe volando letteralmente su O’Reilly, facendo frantumare il tavolo: Roddy interrompe. Adam Cole risorge e scala la gabbia. Viene raggiunto da Ricochet. I due si prendono a schiaffi sulla cima della struttura. Si crea una situazione veramente rocambolesca: Hanson butta tutti giù, mentre Ricochet resta sulla cima. L’ex PWG va con uno splendido Double Rotation Moonsault e tutti vanno giù. I due team occupano un ring a testa, vanno poi faccia a faccia ed è qui che riparte il rissone. Distribuzione di finisher a destra e a manca, Dunne esce da due Last Shot e salva la candela. Bitter-End a segno! Ricochet arriva dal nulla e inferisce con una manovra aerea! 1…2…3!

VINCITORI: WAR RAIDERS, RICOCHET & PETE DUNNE

L’evento si chiude con Pete Dunne e Ricochet sulla cresta dell’onda. Su queste immagini io vi saluto e vi ringrazio per aver scelto il nostro sito. Have a nice day!