Robert Roode parla dei suoi sette mesi di assenza dalla WWE
Robert Roode parla dei suoi sette mesi di assenza dalla WWE

Robert Roode parla dei suoi sette mesi di assenza dalla WWE

Il suo ritorno la scorsa settimana a RAW

Robert Roode è ritornato a RAW la scorsa settimana dopo una lunga assenza dai palcoscenici WWE durata sette mesi. Al suo ritorno, subito la sfida titolata contro Drew McIntyre. Intervistato da TV Insider ha parlato della sua lunga pausa dal ring.

La scorsa settimana, con grande sorpresa del WWE Universe, a rispondere alla open challenge per il WWE Championship indetta dal campione Drew McIntyre, è stato un nome che sembrava del tutto finito nel dimenticatoio.

L’arrivo di Dolph Ziggler sullo stage sembrava lasciar presumere una nuova sfida tra i due ex RAW Tag Team Champions, poi l’annuncio e la presentazione dello sfidante che lo stesso Ziggler avrebbe fatto:

Robert Roode ritorna a RAW, ma soprattutto ritorna in WWE dopo sette mesi di assenza.

Roode bloccato in Canada a causa del COVID-19

Concedendosi in un’intervista a TV Insider, The Glorious One ha spiegato i motivi della sua lunga assenza e sono interamente attribuiti alle conseguenze della Pandemia di COVID-19: non era malato, ne infortunato, semplicemente non poteva attraversare il confine del Canada.

“Avevo molto tempo libero a disposizione. Il divieto di viaggio mi ha reso difficile il lavoro, quindi sono stato un fan, a casa sul divano a guardare RAW, SmackDown e anche un pò di NXT.

Un lungo “licenziamento” durato sette mesi, con molti tempi morti per riprendermi fisicamente e mentalmente, volevo tanto tornare al lavoro. Fortunatamente, la scorsa settimana è stata la mia opportunità.”

Robert Roode ha poi parlato del come ha inciso la Pandemia sul suo lavoro e sullo stile di vita:

“Era tutto diverso. Lavoro in questo settore da oltre 20 anni. Quando il tuo stile di vita è così per 15,20 anni, è un duro adattamento. E’ stato anche divertente vivere senza una valigia e stare con la famiglia, ma le circostante erano diverse questa volta, con la Pandemia e l’essere costretti a casa.

I primi due mesi ho perso tutto quello che sono abituato a fare ogni settimana. Questo lavoro è il mio sangue, la mia passione. Ti manca lo spogliatoio, il programma e la vita sulla strada in un modo che non so spiegare. Sono felice di essere tornato.”

Un Robert Roode carico e pronto a ripartire e magari, protagonista anche dell’imminente Draft WWE.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Ora è possibile acquistare la prima rivista dedicata al wrestling italiano. CLICCA QUI!

Seguici su Facebook Seguici su Google News

 

 

Altre storie
WWE: i fan della compagnia sono i più intelligenti
WWE: i fan della compagnia sono i più intelligenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: