Popolo di The Shield Of Wrestling, benvenuti! So bene che ancora dovete digerire a pieno NXT TakeOver Brooklyn 4 e SummerSlam, ma un buon modo di riprendere è con degli show che si guardano con leggerezza. Le ultime 2 tappe del tour ROH Honor ReUnited nel Regno Unito sono un buon modo!

ROH WORLD TAG TEAM CHAMPIONS THE BRISCOES (JAY BRISCOE & MARK BRISCOE) VS JODY FLEISCH & JONNY STORM

Candidato al premio “match più scontato dell’anno”, nonostante una minima offensive degli avversari il match è in pieno controllo dei Briscoes. Jay Driller su Fleisch per la vittoria.

VINCITORI: THE BRISCOES

MARK HASKINS VS FLIP GORDON – ROH INTERNATIONAL CUP

Il match è quello che ci si poteva aspettare. Molta rapidità e molto striking. Inoltre, tutti e 2 hanno avuto le loro chance di passare il turno ribaltando la situazione (come quando Haskins è salito sulla terza corda e Flip lo ha colpito con la Kinder Surprise). La vittoria però va all’inglese dopo un piccolo controllo culminato con un Pumphandle Driver.

VINCITORE E NUOVO FINALISTA: MARK HASKINS

JIMMY HAVOC VS ADAM PAGE – ROH INTERNATIONAL CUP

Le aspettative per il match c’erano, i due hanno degli stili che possono ben combaciare. Il match ci presenta infatti immediatamente una contesa rapida e con spot molto duri, voli sulle barricate, impatti sull’apron…mentre l’arbitro è distratto, Havoc applica dei graffi a Page con una lastra di metallo. Si scambiano poi fasi di controllo e striking fino alle manovre scorrette di Havoc (come nello scorso match con Christopher Daniels, usa la spillatrice, poi finge che sia stato Page a spillarlo per eseguire un roll up da 2. Scambio di colpi, anche Page usa la spillatrice, Buckshot Lariat e Rite of Passage.

VINCITORE E NUOVO FINALISTA: ADAM PAGE

CHARLI EVANS VS KAY LEE RAY

Odiatemi pure: non avevo interesse per questa contesa. Penso neanche il pubblico, silenzioso al massimo. Glory Bomb per la vittoria di Kay Lee Ray.

VINCITRICE: KAY LEE RAY

ROH WORLD TELEVISION CHAMPION PUNISHMENT MARTINEZ VS DELIRIOUS – PROVING GROUND MATCH

Ricordiamo il significato della stipulazione: non è un match titolato, ma se lo sfidante vincesse entro 60 giorni avrebbe un match titolato con il campione.

Mi aspettavo un minimo di contesa, ma il match è in totale controllo di Punishment Martinez che chiude dopo pochi minuti con una Chokeslam.

VINCITORE: PUNISHMENT MARTINEZ

KIP SABIAN VS JOE HENDRY VS CHRISTOPHER DANIELS VS “THE VILLAIN” MARTY SCURLL – FOUR CORNER SURVIVAL MATCH

Questa stipulazione non l’ho mai capita. Un Fatal 4-Way ma con i tag…che confusione.

Il match però ingrana molto bene e non riesco a raccontarlo tutto, ma ci sono veramente ottimi momenti. Ogni atleta fa vedere il meglio di sé e ci sono veramente spot di ogni tipo, come nel finale quando arriviamo ad una sottomissione condotta da Scurll che coinvolge tutti tranne Hendy che arriva a romperla. Restano sul ring solo Scurll e Sabian e vedendo il pubblico pare ovvio il risultato: Crossface Chickenwing. Ma non è quella la manovra conclusiva, Sabian ne esce, ma la Graduation.

VINCITORE: MARTY SCURLL

IWGP HEAVYWEIGHT TAG TEAM CHAMPIONS & 2/3 OF RING OF HONOR WORLD 6-MAN TAG TEAM CHAMPIONS THE YOUNG BUCKS (MATT JACKSON  & NICK JACKSON) VS ROH WORLD CHAMPION JAY LETHAL & “THE OCTOPUS” JONATHAN GRESHAM

Uno dei più grandi tag team della storia delle indipendenti, se non il più grande, contro il campione mondiale ed un wrestler che sta iniziando a farsi un nome a suon di prese e sottomissioni.

Dalla parte dei Bucks abbiamo, oltre all’agilità che fa parte ovviamente anche del pacchetto di Jay Lethal, un’intesa maggiore degli avversari. Anche se le spettacolari manovre di Lethal fanno tutt’altro danno se prima Gresham lavora su quelle zone. Nel finale Matt colpisce entrambi gli avversari con un Superkick, tutto pronto per la Meltzer Driver ma Nick sente il dolore delle prese subite durante il match (anche una Figure 4 Leglock da Lethal) e non riesce a saltare. Una volta fallita la finisher di coppia, la Lethal Injection sembra scontata.

VINCITORI: JAY LETHAL & JONATHAN GRESHAM

MARK HASKINS VS HANGMAN PAGE – ROH INTERNATIONAL CUP FINAL

Non faro battute sulla somiglianza fisica dei due finalisti e lascerò parlare il ring. E penso che il ring abbia da dire molto ora. Page porta Haskins fuori e sapete che quando Page va fuori dal ring non ci va leggero. Tornati nel ring però, nonostante subisca ancora, Haskins esce fuori e colpisce bene. Page stende Haskins con un Superkick sull’apron, poi sale sulla terza corda e va di Moonsault sull’avversario fuori dal ring per la gioia del pubblico che esplode. Page però non riesce a schienare il nemico, né ora né con un Piledriver ribaltando un’azione di Haskins. Fase finale di scambi, si sente la stanchezza dei due, ma ora vi racconto la sequenza finale: Rite of Passage trasformato in Pumphandle Driver, ma Page ne esce e riprende la posizione del Rite of Passage, prova ad eseguirlo ma Haskins lo trasforma in un Flip Piledriver/Canadian Destroyer per poi connettere con la Pumphandle Driver e vincere la coppa.

VINCITORE DELLA ROH INTERNATIONAL CUP: MARK HASKINS

Stretta di mano e abbraccio tra i due, poi festeggiamenti per Haskins che domani sfiderà Lethal per il titolo.

Per la tappa di Doncaster è tutto, ci sentiamo a breve per l’ultima, quella di Londra!