L’evento ROH – NJPW G1 Supercard si è imposto come una risposta importante alla WWE, riuscendo infatti a fare sold out rapidamente al Madison Square Garden.

L’evento è stato ricco di colpi di scena. C’è stato spazio per i tributi a The Great Muta e Justin Thunder Liger ma anche per le sorprese, come la vittoria di Rush contro Dalton Castle, ottenuta in pochissimi secondi. Un Dalton in preda alla disperazione poi ha letteralmente massacrato i suoi Boys nel post match. Per avere un resoconto dell’evento potete leggere il nostro report che trovate già nel sito.

C’è stata una rissa durante un match?

Poco prima della fine del match, Jay e Mark Briscoe sono stati aggrediti dagli ex WWE, Enzo Amore e Big Cass. come si può vedere anche dal video i due wrestler rilasciati dalla federazione di Stamford hanno oltrepassato le barricate dando vita ad una scazzottata con i fratelli Briscoe che non è stata inquadrata dalle telecamere. La scena non sembrava assolutamente programmata e casualmente accade quasi contemporaneamente con un altra aggressione, quella subita da Bret “The Hitman” Hart durante il suo discorso d’introduzione nella Hall of Fame, sostenuto da Natalya.

Possiamo considerarlo un sold out veritiero?

La rapida vendita dei biglietti è infatti avvenuta con una componente marketing fondamentale: il fatto che all’epoca l’intera Elite fosse ancora sotto contratto. Nonostante ciò, l’unione delle due federazioni (con una buona partecipazione anche da parte di STARDOM, CMLL e RPW) ha portato i suoi frutti. Il traguardo risulta ancora più d’impatto, considerando che contemporaneamente si è svolta la WWE Hall Of Fame.

I posti resi disponibili per l’evento (ricordiamo, sold out) sono stati 16.534, inferiori alla media per il wrestling all’arena di 18.500.