The HeXagon #13: Jeff Hardy vs Austin Aries
The HeXagon #13: Jeff Hardy vs Austin Aries

The HeXagon #13: Jeff Hardy vs Austin Aries

Ripercorriamo il main event di Bound for Glory 2012

Ultimo aggiornamento:

The HeXagon #13: Jeff Hardy vs Austin Aries: Nel nuovo episodio di questa rubrica andremo a parlare del glorioso main event di Bound for Glory del 2012: Jeff Hardy vs Austin Aries!

La turbolenta storia di IMPACT! Wrestling, nota per il suo glorioso (e anche turbolento) passato sotto il nome di TNA, ha dato vita a numerosi momenti iconici che resteranno per sempre impressi nella storia della disciplina. E come per le promotion concorrenti, una bella parte dei essi è avvenuto in quello che possiamo definire come la WrestleMania della compagnia.

Bound for Glory è alle porte e per l’occasione vi facciamo rivivere il magnifico main event dell’edizione del 2012 dove si sfidarono l’allora TNA World Champion Austin Aries e Jeff Hardy!

Antefatto

Nel giugno del 2012 fu annunciato un torneo a punti che sarebbe durato per ben 3 mesi. Tale competizione prese il nome di Bound for Glory Series e avrebbe visto partecipare 12 wrestler con in palio il #1 contender al titolo massimo della compagnia proprio a Bound for Glory. La finale di tale torneo si sarebbe disputata all’edizione di No Surrender e a settembre, James Storm, Samoa Joe, Bully Ray e Jeff Hardy erano i candidati alla vittoria. Tuttavia, piuttosto che procedere con l’assegnazione dei punti si decise di creare un torneo semplice ad eliminazione. Nelle semifinali, Hardy riuscì  a sconfiggere Joe e Ray sconfisse Storm ma in finale a portare a casa la vittoria fu proprio Jeff. Non contento della sconfitta, Ray sfidò ancora una volta Jeff ma perse ancora una volta.

Tutto era pronto ma l’allora campione Austin Aries iniziò a provare un forte senso di gelosia e di invidia verso lo sfidante sempre più vincente e amato dai fan. La rivalità si infiamma quando Aries perse in un match non titolato contro Ray in cui Jeff ha fornito l’assist involontario allo sfidante favorendone la vittoria. Tra i due iniziarono battibecchi sempre più frequenti fino al turn heel del campione avvenuto proprio durante la puntata precedente a Bound For Glory che culmino con una Brainbuster che mise ko Jeff Hardy.

Da Victory Road 2011 alla vittoria del titolo: la redenzione di Jeff Hardy

Un anno prima, più precisamente a Victory Road, Jeff Hardy si rese protagonista di una delle pagine più controversie, discusse e “offensive” non solo della sua carriera, ma del wrestling in generale. Presentandosi ubriaco al main event contro Sting, da allora la sua carriera sembra ad un punto di non ritorno (per saperne di più, potete recuperare il nostro articolo dedicato cliccando qui). Tuttavia, quello spiacevole incidente riuscì a dare una lezione al giovane lottatore che si ritrovò ad un bivio cruciale: cedere o reagire.

E con sudore, fatica e cuore, riuscì a recuperare il supporto dei fan che lo hanno guidato fino al main event di Bound for Glory del 2012 concluso con un fantastico match tra lui ed Austin Aries dove a trionfare fu proprio Jeff che divenne TNA World Champion. All’epoca Aries era uno dei migliori wrestler del mondo e Jeff stava vivendo uno dei momenti più proliferi della sua carriera. Un grande match che ha reso giustizia alla sua redenzione regalandoci una delle pagine più belle del wrestling americano.

L’edizione 2020 di Bound for Glory è alle porte e chissà se anche questa volta il PPV più iconico di IMPACT! Wrestling riuscirà a stupirci. Non resta che scoprirlo assieme!

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Ora è possibile acquistare la prima rivista dedicata al wrestling italiano. CLICCA QUI!

Seguici su Facebook Seguici su Google News

 

Altre storie
Anteprima AEW Dynamite 21-10-2020
Anteprima AEW Dynamite 21-10-2020