Shawn Michaels: i segreti svelati dal documentario
Shawn Michaels: i segreti svelati dal documentario

Shawn Michaels: i segreti svelati dal documentario

Ecco i cinque punti segreti della biografia su HBK

La vita e la carriera di Shawn Michaels è stata raccontata in un documentario prodotto da A&E andato in onda la scorsa domenica. Ecco una raccolta dei maggiori segreti sulla vita di HBK.

Quella di Shawn Michaels è stata una carriera unica e, per certi versi, irripetibile da nessun’altro. Le sue eccellenti doti tecniche e i suoi successi sul ring si contrappongono ad una vita privata piuttosto travagliata prima della scoperta della fede e del suo cambio di rotta a metà 2001.

Shawn Michaels: 5 segreti svelati dal documentario

1: La droga e la vita da Rocker

La prima esperienza nel mondo del wrestling è legata a Marty Jannetty col quale formava il tag team dei Midnight Rockers. Il nome del team nasce, così come svelato da Jannetty, prendendo spunto da un famoso brano dei Judas Priest. Il loro amore per il Rock N’ Roll lo spingono a vivere una prima fase di carriera ad alto regime tra feste, donne e droga. Proprio in quel periodo Shawn Michaels iniziò a fare un largo uso di cocaina. Questo stile trasgressivo fu l’inizio della sua cosiddetta “cattiva reputazione”.

2: Il mix tra Elvis e Freddie Mercury

Nel 1992, dopo la rottura professionale e personale con Marty Jannetty, nacque il personaggio dell’Heartbreak Kid. Un personaggio molto arrogante che combacia a pieno con il Shawn dietro le quinte. Michaels, sempre dipendente dalla droga, decise di creare il suo personaggio creando una fusione tra i caratteri di due leggende della musica, Elvis e Freddie Mercury. I risultati sono evidenti: Shawn Michaels è arrogante e attraente come Elvis e eccentrico e stravagante come Mercury. I due cantanti erano una forte fonte di ispirazione per il lottatore il quale, involontariamente, finì per vivere a 360 gradi come HBK con tutte le conseguenze del caso.

3: La nascita della Kliq

Negli anni Michaels si sente sempre più paranoico. L’abuso di droghe è ancora coperto dalla freschezza fisica ma i suoi sbalzi d’umore nel backstage sono stati sempre un problema. La sua imprevedibilità non era ben vista nel backstage e, in cuor suo, era giunta l’ora di creare un gruppo utile a proteggere Shawn Michaels da eventuali aggressioni. In questo modo nasce la Kliq, un gruppo politicamente potente, letale per qualche carriera, ma che veniva comunque apprezzato da Vince McMahon:

Erano odiosi ma erano molto intelligenti, avevano sempre delle buone idee. Creativamente erano geniali.

4: Il duro litigio con Triple H

La relazione tra Shawn Michaels e Triple H toccò il punto più basso nel Marzo 2001 quando HBK si presentò in condizioni orribili ad una puntata di RAW. The Game lo ricorda come una persona che “gridava in continuazione, provocava, era instabile. Non potevamo fare affidamento su di lui.” Michaels sarebbe stato coinvolto per un segmento celebrativo per la vittoria della WWE della Guerra del Lunedì Sera ma McMahon, resosi conto delle sue condizioni, decise di allontanarlo dall’arena facendo infuriare lo stesso HBK che se la prese duramente con l’amico fraterno accusandolo di averlo tradito. Lo scontro verbale fu fortissimo e i due finirono per allontanarsi per un anno.

5: La rinascita e “il miracolo”

L’eccessivo uso di antidolorifici crearono diversi problemi anche nell’allora fresca vita familiare con la moglie Rebecca Curci e il figlio Cameron. Proprio una ingenua frase dell’allora bimbo di due anni fu il momento della risalita. A fine 2001 decise di voler studiare la Bibbia e di dedicarsi ad una vita Cristiana abbandonando droghe e alcool immediatamente. In quel momento Rebecca ha raccontato di come, da un momento all’altro, il dolore alla schiena che lo teneva lontano dal ring era passato. Questo che per Shawn Michaels e Rebecca è considerato un miracolo, fu indispensabile per il ritorno a SummerSlam 2002 contro l’amico di sempre Triple H col quale aveva fatto pace poco prima.

Questi sono stati i cinque punti più “segreti” di un bellissimo documentario, ben prodotto e raccontato ancora meglio. L’aggiunta di testimoni di primissimo livello come Bret Hart, Steve Austin, Kevin Nash, Triple H, The Undertaker e tanti altri rende la biografia ancora più autentica. Siamo certi che questo documentario aiuterà i fan ad amare ancora di più Shawn Michaels, uno dei migliori performer di sempre.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Abbiamo aperto il nostro canale Telegram! Rimani sempre aggiornato CLICCA QUI.

Seguici su Google News

Altre storie
Battman: il supereroe della WWWF
Battman: il supereroe della WWWF
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: