in ,

BURNING HAMMER #6: NJPW EDITION!

Carissimi lettori di The Shield of Wrestling, torna a battere incandescente sul nostro sito Burning Hammer, l’editoriale mensile che vi tiene aggiornati sul mondo del Puroresu!

Oggi proporrò un’edizione incentrata su un argomento solo, data la sua rilevanza all’interno del mese di settembre/inizio ottobre. Voglio solo fare una piccola eccezione e menzionare il ritorno di PAC in Dragon Gate: sono veramente euforico. Bando alle ciance, iniziamo! 

•NJPW: DESTRUCTION IN HIROSHIMA

Il primo Destruction, tenutosi nella prefettura di Hiroshima, ha decisamente lasciato a desiderare – esattamente come gli altri – ma ha offerto un main event niente male, che ha visto protagonisti, per l’ennesima volta, Tomohiro Ishii e Kenny Omega. The Cleaner ha difeso la corona egregiamente, mentre Tomohiro ne esce più che a testa alta data la sua immensa determinazione. Ovviamente, per chi se lo stesse chiedendo, l’incontro non ha minimamente raggiunto le soglie del G1 Climax, ma sicuramente ha intrattenuto e divertito molti.

Menzione d’onore a questo momento che mi ha fatto ridere molto. Non potevo ometterlo.

•NJPW: DESTRUCTION IN BEPPU

Forse la tappa meno significativa dell’intero tour. Da menzionare solo la vittoria titolata di Taichi ai danni di Hirooki Goto, che quindi cede il Never Openweight Championship, inaspettatamente, al membro del Suzuki-Gun. Scelta strana ma abbastanza ragionevole.

Passiamo poi al main event, dove Tetsuya Naito sconfigge Minoru Suzuki in incontro inaspettatamente noioso. Sicuramente buono da un piano lottato e da quel che ne segue, ma è mancato il fattore clou, che ti fa dire:“Questo match lo ricorderò sicuramente!”

•NJPW: DESTRUCTION IN KOBE

Qui l’asticella si è sicuramente alzata con un evergreen Hiroshi Tanahashi/Kazuchika Okada, con in palio la valigetta del primo. Okada è in un periodo ‘personale’ non proprio roseo, difatti al termine del match, dove ha ovviamente perso, è stato attaccato da Jay White accompagnato da Gedo. Tutto ciò non fa altro che andare a mettere altra benzina sul fuoco.

Il concept è sicuramente azzeccato, ma Jay non lo è. Il Young Lion ha bruciato le tappe, letteralmente, e ora si trova in una situazione molto più grossa di lui. Di sicuro non è un wrestler malvagio, ma la sua poca esperienza si nota in molteplici occasioni: errori di timing frequenti, pulizia esecutiva pressoché scarna e, tra l’altro, le sue espressioni facciali sono abbastanza ridicole in certe occasioni.

Piccola eccezione, anche qui, per il breve match tenuto da KUSHIDA e Bushi per il mini torneo relativo all’IWGP Jr. Heavyweight Championship. Carino anche se non esuberante, come ho letto da altre parti.

•NJPW – Fighting Spirit Unleashed

Qui ci sono veramente poche cose da segnalare, se non altro abbiamo assistito al grandissimo match fra Golden⭐ Lovers e Ishii/Okada, che da solo dà parecchie piste a tutti i Destruction messi insieme.

Passiamo poi alle difese titolate, che di “difensivo” hanno avuto ben poco. Gli Young Bucks e Juice Robinson sono stati privati dei loro titoli, rispettivamente dai Guerrillas of Destiny e Cody.

Indifferente per il passaggio dei tag team Championship, ma molto contento che Juice abbia perso l’IWGP United States Championship. Migliorato quanto volete, ma non lo si può vedere con una cintura.

Ciliegina sulla torta è il sempreverde Will Ospreay/Marty Scurll, che regala spettacolo come sempre. Il Villain avanza sempre di più nel mini-torneo per decretare il nuovo campione dei pesi leggeri.

L’evento si chiude con un annuncio sconcertante: A King of Pro Wrestling Kota Ibushi, Cody e Kenny Omega si affronteranno in un match valevole per il titolo di quest’ultimo.

•NJPW – King of Pro Wrestling

Arriviamo all’ultima tappa dell’editoriale con ben poco da dire e menzionare per quanto riguarda la qualità dei match.

Il nuovo membro dei Los Ingobernables De Japon si è rivelato essere Shingo Takagi, uno degli esponenti maggiori in Dragon Gate. Sicuramente un ottimo acquisto.

KUSHIDA ha battuto Marty Scurll e si è laureato nuovo campione dei pesi leggeri. Tutto ciò fa abbastanza ridere e sottolinea maggiormente che le federazioni hanno paura di puntare sui nuovi atleti.

Il match fra Zack Sabre Jr. ed EVIL è incredibilmente sfumato dopo l’attacco di Chris Jericho.

Jay White si è unito all’OG Bullet Club, attaccando Okada per l’ennesima volta.

Per ultimo, ma non ultimo, voglio spendere due parole sul Three Way: Kenny, Cody e Kota si sono comportati egregiamente. Belle sequenze, ottimo storytelling e intensità magnifica hanno fatto da cornice a 30 minuti di un incontro godibilissimo. Ah, per quanto concerne la situazione Omega/Ibushi, non è finita qui.

Chiudiamo l’editoriale con i due match più scottanti annunciati per Power Struggle, prossimo evento della NJ:

Chris Jericho difenderà l’IWGP Intercontinental Championship dall’assalto di EVIL.

Will Ospreay sfiderà Taichi per catturare il Never Openweight Championship.

Dalla base è veramente tutto. L’appuntamento si rinnova per il mese prossimo, dove ovviamente parleremo di Power Struggle ma daremo spazio anche ad altro.

さよなら

What do you think?

Written by Ciro Gallotti

Seguace della disciplina dal lontano 2007, si occupa degli show settimanali WWE con annesse analogie; oltre ad essere colui che gestisce "Burning Hammer", "Pills of Wrestling" e "PerfecTen". Sentimentalista cronico nei confronti di determinati wrestler. Fighting Spirit Guy, Cinefilo, Puroresu Lover e anche appassionato di lettura generale. Ama approfondire ogni singola sfaccettatura che offre questo sport-spettacolo, abbattendo le barriere della superficialità e cercando di migliorarsi giorno per giorno affinché il progetto al quale state prestando attenzione possa raggiungere una vetta sempre più alta.

Comments

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Raw Preview

RAW PREVIEW (15-10-2018)

IMPACT

BOUND FOR GLORY REPORT