king corbin

King Corbin: "Vince McMahon è un mio grande fan"

King Corbin: “Vince McMahon è un mio grande fan”. In un’intervista concessa a Peter Rosenberg, il re della WWE ha raccontato quanto il Chairman apprezzi il suo lavoro.

Potete trovare questa notizia e tutti i nostri contenuti anche sulla nostra app. SCARICALA QUI!

Se il 2019 di King Corbin è stato, senza alcun dubbio, il suo miglior anno dal suo approdo in WWE, il 2020 potrebbe essere l’anno della sua consacrazione. Il personaggio è odiato al punto giusto e la persona è supportata e aiutata da grandi colonne come Triple H e The Undertaker. Dal momento in cui il suo character ha iniziato ad apparire a SmackDown la sua popolarità è cresciuta costantemente, nonostante il segmento discutibile con Roman Reigns e il cibo per cani. Anche se non combatte la gente lo considera uno dei “top player” e persino Vince McMahon in carne e ossa è un suo fan. Lo dichiara lo stesso King Corbin durante un’intervista concessa a Peter Rosenberg.
Ecco l’estratto della chiacchierata nel quale l’ex Lone Wolf parla di Vince e racconta degli aneddoti sulla nascita del suo personaggio:

“Penso che Vince McMahon è un mio fan per via del fatto che ho uno stile da vecchia scuola, sono grosso e ho una sorta di durezza legittima. Capisce molto bene chi è determinato e vuole avere successo e chi non lo è per niente. Sapevo che ci fosse bisogno di una modifica [nel personaggio]. Era necessario perché gli heel non mancano ma io posso aggiungere qualche complessità e a diversi livelli di pubblico.”

Non si può non pensare a King Corbin come un personaggio old school, di quelli che apparivano in WWE nei primi anni ’90. Solo il tempo ci dirà che futuro potrà avere l’ex NXT

Per rimanere informati sul mondo del wrestling, continuate a seguirci sul nostro sito e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordTwitter e Twitch.

Se volete far parte della nostra community, entrate nel gruppo Telegram.

Altre storie
Thunder Rosa racconta dell'aiuto che le diede Hana Kimura in Giappone
Thunder Rosa racconta dell’aiuto che le diede Hana Kimura in Giappone