NJPW | 5 MIGLIORI MOMENTI dell'anno

NJPW | 5 MIGLIORI MOMENTI dell'anno

NJPW | 5 MIGLIORI MOMENTI dell’anno, la New Japan Pro Wrestling non é mai stata cosi viva

Potete trovare questa preview e tutti i nostri contenuti anche sulla nostra app. SCARICALA QUI!

 
La New Japan Pro Wrestling non è mai stata così viva e fa strano dirlo, il suo anno si è aperto con Wrestle Kingdom 13, l’evento che ha visto Kenny Omega lasciare la compagnia e contemporaneamente Hiroshi Tanahashi come nuovo campione, ancora una volta, l’ennesima. A primo impatto, i due eventi son parsi tragici agli occhi di noi fan occidentali, la federazione nipponica si era infilata in un bivio senza via d’uscita, ma anche nei momenti più brutti, esiste uno spiraglio da cui rinascere; In questo caso lo spiraglio si chiama Jay White, l’atleta neozelandese che è riuscito a dare una ventata d’aria fresca alla federazione, e proprio dal leader del BULLET CLUB partirò col classificare i 5 MIGLIORI MOMENTI dell’anno della NJPW.
 
5 – IL TAGLIAGOLE SI TINGE DI ORO
11 Febbraio, ”New Beginning in Osaka”, il main event vede Hiroshi Tanahashi difendere la cintura vinta il mese precedente contro colui che qualche anno prima era un semplice Young Lion, Jay White. Proprio mentre Mr.Tokyo Dome lo stava per colpire con la sua manovra definitva, la High Fly Flow, White lo blocca nella Blade Runner e lo schiena, divenendo il nuovo IWGP Heavyweight Champion. Un momento destabilizzante per i fan orientali presenti all’arena, il loro asso ha perso, ha consegnato il suo trono ad uno stupido ”gaijin”. D’altra parte, però, il fan occidentale ha gioito, perchè il nuovo che avanza ha vinto il ”vecchio”, quel ”vecchio” che un mese prima fu, forse, il motivo dell’addio del tanto amato Kenny Omega.
 
4 – PIOVE ANCHE IN AMERICA
Il regno del tagliagole non dura troppo, ma funziona nel dare alla federazione una ventata d’aria fresca. 6 Aprile, ci troviamo in America, precisamente a New York City, nel leggendario Madison Square Garden, nel main event si scontrano il campione dei pesi massimi IWGP e il vincitore della New Japan Cup. Il campione lo conosciamo bene ma chi ha vinto l’edizione annuale della New Japan Cup? Il vincitore dell’importante torneo è proprio Kazuchika Okada; Okada è il progetto perfetto della compagnia situata oltreoceano, non delude mai, ha letteralmente fatto tutto nonostante la sua giovane età. Il main event è dunque designato, torniamo al 6 Aprile, nonostante il giapponese sia spesso infastidito dall’attuale manager di White ed anche suo ex manager, Gedo, riesce a portarla a casa con la solita sequenza finale condita dal Revolution Tombstone Piledriver e dal Wristlock Lariat, meglio conosciuto come Rainmaker.
 
3 – L’ONORE DELLA DISCIPLINA
14 Ottobre, King Of Pro Wrestling, si affrontano Jushin Thunder Liger e Minoru Suzuki, tutto tranquillo no? Sarebbe effettivamente tutto tranquillo se qualche mese prima Minoru Suzuki non avesse risvegliato la parte più malvagia della leggenda mascherata, Kishin Liger! Kishin è la versione irrazionale e malvagia del buon Jushin, una versione che a match in corso si impossessa del corpo della leggenda rendendolo irriconoscibile, un vero e proprio evento nel mondo del Pro Wrestling, che scosse l’intero globo 20 anni fa proprio come lo ha scosso quest’anno, da pelle d’oca.Torniamo, però, a KOPW dove non vediamo la parte malvagia di Liger, bensì ”Battle Liger”, la sua versione più combattiva e più ”terra-terra”. Il match con Minoru è di fatto leggendario, la spunta il leader della Suzuki-Gun, con l’infallibile Gotch Style Piledriver. Il post match è da lacrime, un Minoru Suzuki visibilmente commosso si inchina al cospetto dello sconfitto Liger. Non vi capiterà MAI più nella vita di vedere un uomo senza cuore come Minoru, commosso.
 
2 – L’UCCISORE DEGLI DÈI FALSI E BUGIARDI
12 Agosto, finale del torneo più iconico dell’intero mondo del Pro Wrestling, il G1 Climax.Si scontrano Kota Ibushi e Jay White, entrambi hanno disputato un ottimo torneo sbaragliando la contesa che, però, è stata viva fino all’ultimo! Kota Ibushi, facente parte del BLOCCO A, si è giocato fino all’ultimo match il primato con il campione massimo, Kazuchika Okada, battendolo all’ultima giornata. Dall’altra parte la situazione è praticamente analoga, Jay White si è ritrovato all’ultima giornata a dover battere il leader dei Los Ingobernables de Japon, Tetsuya Naito, per avanzare alla finalissima.Torniamo al 12 Agosto, un Kota Ibushi visibilmente infortunato alla gamba riesce a difendersi dalle scorrettezze che gli vengono inflitte dal leader del BULLET CLUB, mettendolo infine KO con la sua mossa finale, la Kamigoye, la manovra che uccide gli Dèi. Quasi divino lo sforzo compiuto da Kota Ibushi quel giorno nel colpire Jay White con la sua mossa finale. Vanno fatti, però, dei grandissimi complimenti al neozelandese, protagonista di una prestazione da assoluto leader tecnico, ha condotto una contesa di rilevanza mondiale.
 

1 – UN LEGAME DISTRUTTO
Ci ritroviamo sempre lì, in quel poetico 12 Agosto, ma in una contesa differente. Sto parlando del match tag che ha visto KENTA, Yoshi-Hashi e Tomohiro Ishii scontrarsi con Tama Tonga, Tanga Loa e Bad Luck Fale, il BULLET CLUB.
Durante il corso dell’incontro, l’ex Hideo Itami decide di voltare le spalle alla sua compagine alleandosi con gli avversari e rivelandosi come il nuovissimo membro della fazione più cattiva del Giappone.
Questo, però, non sta bene al suo storico amico Katsuyori Shibata, colui che lo ha portato in New Japan Pro Wrestling. Dopo anni e anni di inattività, Shibata torna a tirare calci e pugni su quel ring che tanto ha amato, e tutta la sua ira se la becca KENTA per aver tradito la sua fiducia e la fiducia del Dojo.
Nella vita, ahimè, non trionfa sempre il bene, e infatti il segmento è vinto dalla fazione dei cattivi, dopo aver letteralmente circondato il povero Shibata. Ad oggi, non è stato ancora annunciato un match di ritorno per Katsuyori, nonostante quella del G1 non fu la sua unica zuffa dell’anno.
Annata pazza no? Starei qui tutto il giorno a raccontarvi di questa rinascita NJPW, dall’esplosione della stella di Ospreay al ritorno di Hiromu passando per il clamoroso debutto di Jon Moxley. Tra qualche giorno la storia sarà scritta di nuovo in quel di Wrestle Kingdom 14, un evento diluito in due giorni, 4 e 5 Gennaio, che si prospetta imperdibile. Chi sarà il primo IWGP Heavyweight Champion ed Intercontinental Champion della storia della federazione? Il bello, il brutto, il Golden Star o il Rainmaker?

 

Se volete far parte della nostra community, entrate nel gruppo Telegram.

Altre storie
Shingo Takagi vs Tomohiro Ishii
Tomohiro Ishii vs Shingo Takagi: come si è concluso?