SmackDown: tutte le sorprese dello show post WrestleMania 37

SmackDown: tutte le sorprese dello show post WrestleMania 37

Come RAW anche SmackDown ha avuto qualche sorpresa

Anche la puntata di SmackDown ha avuto alcune sorprese interessanti dopo quanto visto a Monday Night RAW. L’episodio dello show rosso ha per esempio visto il ritorno di Charlotte Flair e dei Viking Raiders; troppo poco per chi dopo una grande WrestleMania si aspettava qualche clamoroso colpo di scena.

Le puntate che seguono lo show più importane dell’annata WWE sono sempre piene di grandissime aspettative e quest’anno RAW non è stato decisamente all’altezza, almeno secondo i commenti negativi di buona parte dei fan.

Le “speranze” sono dunque tutte rivolte allo show del venerdì sera, che da diversi mesi a questa parte sta avendo una posizione di primo livello nelle gerarchie.

Tutte le sorprese di SmackDown

A differenza dell’ultima puntata di RAW, la puntata di stasera dello show blu ha offerto davvero abbastanza poco per quanto riguarda sorprese e ritorni. La sorpresa più grande è stata senza ombra di dubbio il faccia a faccia tra Cesaro Roman Reigns, che lasciava intuire un loro possibile scontro in quel di Backlash ma che almeno momentaneamente non si vedrà, dato che Seth Rollins ha attaccato Cesaro nel main event mettendo ben in chiaro che i due non hanno ancora chiuso i conti. Per quanto riguarda gli incontro, invece, Kevin Owens Sami Zayn si sono affrontati in un rematch di WrestleMania con vittoria del Prizefighter per countout, mentre i Dirty Dawgs, Dolph Ziggler & Robert Roode, hanno difeso con successo i titoli di coppia di SmackDown dall’assalto degli Street Profits.

Stiamo cercando nuovi elementi per il nostro staff! Ci sono diverse posizioni disponibili: se sei interessato, CLICCA QUI.

Abbiamo aperto il nostro canale Telegram! Rimani sempre aggiornato CLICCA QUI.

Seguici su Google News

Altre storie
Damian Priest si è infortunato alla schiena
Damian Priest si è infortunato alla schiena
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: