The New Beginning in Sapporo Review

The New Beginning in Sapporo Review – Day 2

The New Beginning in Sapporo Review – Day 2, Riviviamo insieme la seconda giornata di The New Beginning in Sapporo

Ora è possibile acquistare la prima rivista dedicata al wrestling italiano. CLICCA QUI!

 
The New Beginning in Sapporo, partiamo con la review della seconda giornata!
Oggi si parte subito con un singles match, Toa Henare vs Yota Tsuji, due giovani talenti. Yota è addirittura ancora uno Young Lion. Da una parte la forza bruta di Toa, dall’altra l’abilità tecnica di Tsuji nel saper ribaltare totalmente situazioni di svantaggio fisico. Nonostante il Giapponese riesca spesso a chiuderlo nella Boston Crab, Toa risulta indomabile. Il match si conclude quando il Neozelandese riesce ad usare la sua finisher, la Toa Bomb. Terminato l’incontro, Toa Henare sembra lanciare una vera e propria sfida al nuovo campione NEVER, Shingo Takagi!
Secondo scontro della serata, si affrontano due team, il primo composto da Yuya Uemura, Tomoaki Honma e Togi Makabe ed il secondo composto dalla leggenda Manabu Nakanishi, Tiger Mask e Hiroyoshi Tenzan. Nakanishi ha ancora una presa sul pubblico spaventosa e tra le Kokeshi di Honma e la rocciosità di Makabe, il match va avanti. Il suo termine arriva peró quando Tiger Mask colpisce l’unico Young Lion della contesa con un Dragon Suplex. Appena finito l’incontro, Nakanishi fa un promo spiegando che questa sarà la sua ultima prestazione in quest’arena.
È l’ora dell’Headbanger! ELP affronta Gabriel Kidd, un giovane debuttante di LA Dojo. Phantasmo vuole dimostrare da subito che lui è il veterano del match. Il membro del BULLET CLUB prende le redini della contesa scimmiottando l’allievo di Katsuyori Shibata. Il British Cruiserweight Champion vince l’incontro grazie ad uno splash e nel post match colpisce il giovane atleta con la CR II.
Quarto scontro, LIJ (EVIL, BUSHI e Shingo Takagi) VS CHAOS (Hirooki Goto, Robbie Eagles e Tomohiro Ishii), solita zuffa giapponese tra stable. Prima apparizione di Shingo con entrambe le cinture NEVER. I nomi di Ishii, Evil, Shingo e Goto significano spettacolo e così è stato. Match molto dinamico che ha sviluppato le storie interne e che ha costruito bene il prossimo incontro per il NEVER Openweight 6-Man Tag Team Title. Vince il trio in rappresentanza del CHAOS quando Robbie Eagles fa cedere BUSHI con la Ron Miller Special, ancora una volta.
Intanto al commento Gino Gambino ci ricorda che nell’ultima tappa di The New Beginning in USA, Tama Tonga e Tanga Loa hanno sconfitto I FinJuice e si sono laureati nuovamente campioni di coppia.
Entra Minoru Suzuki seguito dai membri della sua stable, DOUKI, El Desperado e Yoshinobu Kanemaru. Al team capitanato da Minoru si contrappone la squadra formata da Ryusuke Taguchi, YOH, SHO e Jon Moxley. Il leader del Suzuki Gun scende subito ad attaccare il Death Rider prima che finisca la sua entrata, è rissa totale! Il match è praticamente un’altra preview di Osaka, Mox si scorda anche dei suoi partner pur di fare del male a Minoru. Il suo team però riesce comunque a spuntarla grazie a Ryusuke Taguchi che fa cedere DOUKI con la ankle lock.
Nella transizione tra I due incontri viene annunciato un tour nella prefettura di Hokkaido, nel mese di Luglio, pubblico in visibilio!
BULLET CLUB VS Los Ingobernables de Japon, ci siamo! Jay White, KENTA e Taiji Ishimori affrontano Tetsuya Naito, SANADA e Hiromu Takahashi. Continuano a svilupparsi le faide KENTA/Naito e White/SANADA con I due Jr. che fungono da contorno, alzando la velocitá dell’incontro e stoppando gli altri 4 sul più bello, per far crescere il pathos del pubblico in vista dei loro match di Osaka. SANADA fa cedere Taiji Ishimori con la Skull End e LIJ porta la vittoria a casa. A contesa finita assistiamo ad uno scontro di sguardi, sia tra Naito e KENTA, sia tra White e SANADA.
Zack Sabre Jr. VS Will Ospreay, siamo finalmente arrivati allo scontro tra due dei wrestler britannici più rappresentativi dell’intero secolo. Battaglia sia fisica che ideologica, I due seguono due scuole di pensiero differenti e distanti tra loro. Il Submission Master tiene Ospreay sulla terra ferma, almeno inizialmente. L’Aerial Assasin prova a stare al gioco di ZSJ e lo ingabbia con le sue stesse manovre, le sottomissioni, dimostrandosi sempre più un total package. Ogni qualvolta che il membro del CHAOS prova una manovra potente, il suo avversario la ribalta in una chiave articolare. Nonostante Ospreay riesca poi ad infliggere danni all’avversario, non può niente contro le sue infinite sottomissioni. L’ex Jr. Heavyweight Champion perde ed il membro del Suzuki Gun rimane ancora campione.
Finalmente ci siamo, Main Event! Il Rainmaker Kazuchika Okada contro uno dei membri del Suzuki Gun, Taichi. Okada sembra sentire I danni al collo che Taichi gli ha provocato ieri. L’ex NOAH, invece, non contento del suo vecchio operato, prova nuovamente a strozzare il leader del CHAOS contro le barricate. Taichi prova più volte a colpire Okada con l’iron glove, ingannando però il Rainmaker. Infatti, mentre quest’ultimo stava per passare l’oggetto incriminante all’arbitro, Yoshinobu Kanemaru, eccezionalmente al commento, ha distratto l’arbitro. Così facendo, Taichi ha potuto colpire il suo avversario con una cruenta sediata. Ricordiamo Kanemaru essere un membro del Suzuki Gun e quindi affiliato al villain del match. Okada sopravvive praticamente a quasi tutta l’offensiva di Taichi, sconfiggendolo nel finale con la combo spinning tombstone piledriver e wristlock lariat. Nel post match il Rainmaker parla del tour che si svolgerà a Hokkaido quest’estate come fosse il vero e proprio portabandiera. Tra gli applausi del pubblico se ne va e lo show si conclude.

Per rimanere informati sul mondo del wrestling, continuate a seguirci sul nostro sito e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordTwitter e Twitch.

Se volete far parte della nostra community, entrate nel gruppo Telegram.