Nell’ultima puntata di RAW, è stato introdotto il 24/7 Championship, difendibile in ogni show, ad ogni momento e contro ogni avversario.

Continua il tentativo di rimanere a galla da parte della WWE. Tra alta concorrenza e bassi ratings, Vince e soci le stanno provando proprio tutte per tenere alto l’interesse dei fan. Ventata di aria fresca nel dietro le quinte, così come sul lato tecnico. Il 24/7 Championship è la nuova trovata. Concept azzeccato, ma poco originale, spudoratamente identico al vecchio Hardcore Championship. La ricezione del pubblico live, è stata terribile. Nonostante l’impegno profuso da Mick Foley nel promo di presentazione. Non è la natura della decisione a lasciare insoddisfatti. Bensì la solita tendenza della WWE ad annacquare il passato, spacciando un qualcosa di già esistente come una novità.

In cosa consiste?

Il 24/7 Championship si presenta come un titolo più che secondario, quasi terziario oserei. La direzione intrapresa è chiara sin da subito, vista la strada decisa nella stessa puntata di RAW. Soluzione buona per tenere alta l’intensità degli show e con essa, l’adrenalina dei fan. D’altronde il concept del 24/7 Championship e del suo predecessore, è sempre stato vincente. Nonostante possa rappresentare, per i wrestler coinvolti in questo giro titolato, un palese declassamento nella strutture dello show.

Cosa ci aspetta?

In nemmeno una settimana di esistenza, il 24/7 Championship, ha già cambiato di mano 3 volte. Titus O’Neil, Robert Roode e R-Truth i tre fortunati. L’incoronazione è stata abbastanza discutibile, con Foley che lascia il titolo al centro del ring, annunciando che il primo che l’avrebbe presa in mano, ne sarebbe diventato il possessore. Angle che ha letteralmente schiaffeggiato la sospensione dell’incredulità, ma non soffermiamoci troppo su questo aspetto. Il 24/7 Championship sarà garante di comedy e creatività, se messo in atto con i giusti personaggi. Ma questo non dovrebbe essere un problema, visto che il Roster WWE pullula di Gimmick comedy e senza credibilità.

Perché lo si deve ambire?

Il 24/7 Championship sarà per certi versi, il vero titolo universale, in quanto sarà difeso realmente in ogni momento e in ogni show, senza alcuna distinzione. Tuttavia, come accennato in precedenza, perché un wrestler, dovrebbe ambire a questo titolo? Sì, la paga leggermente aumentata e il prestigio di avere una cintura alla vita. Questo ci insegna la Kayfabe. Ma se il titolo, sin dalla sua nascita, non gode di alcun valore, perché dovrebbe spingere una Superstar a concentrarsi su di esso? Significherebbe solamente un declassamento sia fuori che dentro la Kayfabe. Ma d’altro canto, starebbe anche a significare la stabilizzazione della loro dimensione nella compagnia.