Ciao a tutti amici appassionati di wrestling, io sono GgCrippler e oggi come sempre parlerò del tema più caldo della settimana. E proprio questa notte a RAW c’è stato qualcosa che ha scaldato l’aria in maniera abbastanza plateale. Chiaramente si parla della faida fra due ex mastini della giustizia: Seth Rollins&Dean Ambrose!

Dopo l’allontanamento di Roman Reigns dagli schermi, Dean Ambrose ha tradito il suo tag team partner Seth Rollins passando dalla parte degli Heel.
Questa faida è uno specchio di quella che abbiamo già visto in passato, se non fosse che le parti si sono scambiate.
Questa volta però viene messa a nudo ancora di più una caratteristica che viene a manifestarsi solo quando questi due performer si scontrano. Seth perde il controllo, mentre Dean seppur nella sua follia trova una forte lucidità da calcolatore.
Se così non sembra bisogna un attimo guardare le due storie nella loro completezza.

Da dove sono partiti?

Sierra Hotel India Echo Lima Delta: The Shield.
Ben 6 anni fa assistemmo al debutto dei mastini della giustizia. Un debutto con i fuochi d’artificio per i tre mastini, i quali dimostrarono subito di che pasta fossero fatti. Nessuno poteva competere con loro, erano a un livello fin troppo alto.
Subito si definirono i ruoli:Il pazzo, l’architetto e il big dog.
I tre dominarono la scena senza se e senza ma, e nemmeno una riformata Evolution riuscì a tenergli testa.
Ma fu proprio da li che le cose cambiarono, fu dopo l’addio di Batista infatti che Rollins tradì i suoi amici fraterni per passare dalla parte dell’Authority. E se Reigns non diede troppo peso alla questione portando la sua attenzione su altre storie, Ambrose iniziò a pieno regime una guerra con Rollins.

Perché scambio delle parti?

Come è ormai noto a tutti Seth prende il nome di Architetto visto il suo approccio psicologico che mostra prima e durante un incontro. Il che è vero, se non fosse che contrapposto al Lunatic Fringe, perde la testa.
Già nel 2014 infatti era possibile notare un Dean che seppur con follia dirigeva attacchi mirati, creava distrazioni per Rollins e simili. Tutto ciò portava il Kingslayer a perdere la testa, a sclerare e ad agire come un pazzo.
Se all’epoca il tutto poteva essere giustificato con il fatto che Ambrose come face fosse il ribelle che ridicolizza l’Authority a oggi la questione è diversa.

Cosa accade quando metti contro due amici?

Di faide tra amici se ne sono viste parecchie, ma di solito i personaggi non cambiavano come accade fra questi due.
Nel 2014 il Rollins cattivo perdeva la lucidità spaventato dalle gesta del suo rivale, oggi invece la perde perché mortificato. Una settimana fa non a caso lo Street Dog ha letteralmente mostrato a Rollins il concetto di “Burn It Down” bruciando la divisa dello Shield. Un gesto così forte da distruggere quella che è la psiche di Rollins.
Nei vari House Show proposti dalla WWE quando i due si sono affrontati per il titolo IC, Ambrose ha sempre perso.
Una serie di sconfitte tutte uguali, si è fatto squalificare con un Low Blow, dichiarando poi che il titolo non gli interessava voleva solo far male all’Architetto.
Ed è qui che si viene a delineare un Ambrose calcolatore che vuole distruggere Rollins sia fisicamente che mentalmente.

Obiettivo Raggiunto?

Nel 2014 Dean riuscì pienamente a mostrare la parte debole di Rollins, lo fece impazzire. Non è difficile ricordare il segmento in cui torturò un pupazzo con le fattezze dell’amico per informarlo di cosa gli avrebbe fatto nella gabbia infernale. D’altro canto chi può dimenticare il furto della valigetta con annessa restituzione e “scherzo” di cui fu vittima l’attuale campione Intercontinentale. A tutti fu chiaro che se approcciato in un certo modo Rollins non era più il “The Architect” che tutti conosciamo ma un comune wrestler.
Questa volta però Ambrose non vuole far ridere i fan e mettere a nudo Rollins, vuole solo che il Kingslayer si faccia male.
E sì! Per la seconda volta ci è riuscito, questa notte infatti a RAW Rollins è impazzito a tal punto da attaccare un addetto che non sapeva dove fosse Ambrose.

Perché i due si scambiano di ruolo?

Non è proprio così in realtà è come quando si litiga fra fratelli, ci si conosce bene, ci si vuole bene, ma se il litigio prende una brutta piega è la fine. Si fanno e si dicono cose che non si vorrebbero, viene fuori quella parte di noi che spesso accantoniamo e tutto finisce male.
Nello stesso modo Ambrose mostra quella parte di se razionale e dedita all’umiliazione, mentre Rollins mostra quel lato più passionale e disordinato che normalmente non mostrerebbe.
È quasi come se come Rollins stesse perdendo la sua calma non perché accecato dalla vendetta o cosa ma, perché trepidante di salvare Ambrose. Salvarlo da quell‘errore che egli stesso compì nel 2014: voltare le spalle agli amici.
Rollins sa quanto sia sbagliato, lui non vuole ferire Ambrose, vuole “salvarlo” al contrario del suo rivale che vuole mostrare la sua forza distruggendo quell’ultimo barlume di passato che è rimasto.
Il semi-ritiro di Reigns ha mostrato la fragilità interna dello Shield distruggendo la psiche di Ambrose, il quale vuole distruggere questa fragilità e chi la rappresenta. Allo stesso modo Rollins con le sue lacrime incarnava questa fragilità, e l’unico modo per affrontare questo dolore era distruggerlo.
Un dolore così passionale però poteva essere affrontato solo con estrema razionalità ed ecco perché da un po’ stiamo vedendo un Dean Ambrose in versione “Lunatic Architect”.