in

EVOLUTION UPS&DOWNS

Evolution è ormai passato agli archivi e il vostro caro Phoenix freme dalla voglia di scrivere a proposito dell’evento. Ecco perché esiste Ups&Downs, dove oggi andrò, tramite una disamina strettamente personale, a stilare i punti bassi e alti dell’ultimo pay-per-view WWE. Buona lettura!

UPS:

LAST WOMAN STANDING MATCH

Inizialmente ero molto indeciso sul da farsi. Diciamocela tutta: il match, per buona parte, è stato molto lento – stipulazione a parte – e non ha proprio rasentato l’eccellenza dell’esecuzione, presentando anche qualche banale imperfezione. Da incorniciare l’arbitro che passa la sedia a Becky. Ciononostante sento di andare controcorrente e premiare queste due talentuosissime ragazze, che meritavano a tutti gli effetti il main event di questo dannato show. Sicuramente il paragone con il Last Woman Standing Match fra Asuka e Nikki Cross non regge minimamente, ma almeno abbiamo assistito ad una dimostrazione di buon wrestling dopo un bel po’ di sterco spacciato per oro.

DOWNS:

THE BIGGEST DELUSION OF THE YEAR

Parliamo della finale del Mae Young Classic Tournament. In veste di fan sono veramente rimasto molto deluso e preso in giro da questo incontro. Ci sta limitare le due per non far sfigurare l’intera categoria femminile, ma perlomeno si poteva raggiungere un buon minutaggio e un finale meno telefonato di quello. Per quanto mi riguarda, una delusione troppo grande per passare inosservata. Da sola può essere sufficiente a non far raggiungere una piena sufficienza all’evento.

BOTCH, BOTCH EVERYWHERE

Non è un eufemismo se viene detto che da questo pay-per-view è possibile estrapolare un’intera puntata di Botchamania. Alicia Fox la fa da padrona dato che con l’esperienza da veterana che si ritrova è abbastanza impensabile che possa commettere un errore del genere. Viene immediatamente seguita da Ember Moon e Nikki Bella. Non fraintendetemi: con questo paragrafo non voglio sminuire il lavoro fatto dalle ragazze in questione, ma un po’ di attenzione non avrebbe guastato.

•Considerazioni finali

Evolution è ed è stato un evento congeniale alla promozione della figura femminile in WWE. Sostanzialmente è un PPV da evitare se si vuole vedere del bel wrestling, ed ho veramente molto dispiacere nei confronti di chi, negli anni a venire, guarderà il pay-per-view con la pretesa di un buon evento a causa della sua unicità…in WWE. Personalmente mi ritengo molto deluso, soprattutto per l’impiego di alcune wrestler che hanno contribuito alla causa. La delusione più grande, almeno per quanto mi riguarda, è la finale del MYC, nella quale ho riposto troppe speranze.

La mia l’ho detto. Ora tocca a voi: la sezione commenti è sempre aperta e a vostra disposizione. Io vi saluto e vi dò appuntamento a questa sera, con il report di Monday Night Raw!

What do you think?

Written by Ciro Gallotti

Seguace della disciplina dal lontano 2007, si occupa degli show settimanali WWE con annesse analogie; oltre ad essere colui che gestisce "Burning Hammer", "Pills of Wrestling" e "PerfecTen". Sentimentalista cronico nei confronti di determinati wrestler. Fighting Spirit Guy, Cinefilo, Puroresu Lover e anche appassionato di lettura generale. Ama approfondire ogni singola sfaccettatura che offre questo sport-spettacolo, abbattendo le barriere della superficialità e cercando di migliorarsi giorno per giorno affinché il progetto al quale state prestando attenzione possa raggiungere una vetta sempre più alta.

Comments

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

EVOLVE

EVOLVE: DUE NUOVI CAMPIONI DALLA WWE

Raw Preview

RAW PREVIEW – (29-10-2018)