Mercoledì scorso si è svolta la finale del BOSJ 2019, che ha anche offerto il debutto di Jon Moxley in NJPW.

Una settimana pregna di wrestling quella che stiamo vivendo. Il BOSJ 2019 è stato unanimamente riconosciuto come uno dei migliori di sempre, probabilmente il migliore degli ultimi anni. Tanti match degni di nota durante i blocchi e l’elettrizzante finale svolta al Ryōgoku Kokugikan di Tokyo. Finale che ha visto contrapporsi l’imbattuto del blocco A Shingo Takagi e il britannico Will Ospreay. Un match dai toni epici, che ha tenuto fede alla natura del torneo. Due dei migliori Junior Heavyweights al mondo hanno dato tutto per guadagnare l’ambito trofeo. A spuntarla è stato Will Ospreay, che si è aggiudicato così il premio di BOSJ 2019.

Ma non solo..

Nel post match l’Aerial Assassin ha dichiarato di aver firmato a tempo pieno con la NJPW, essendosi stabilito in Giappone. Oltre ad aprire i propri orizzonti verso gli heavyweights, e quindi verso l’IWGP Heavyweight Championship. Titolo che verrà difeso a Dominion 6.9 da Kazuchika Okada, dall’assalto di Chris Jericho. Okada che, nelle BOSJ Finals, è riuscito a vincere in coppia con Rocky Romero, l’opposizione degli ROH’s own Marty Scurrl e Brody King.

Cos’altro abbiamo visto?

Altro match degno di nota è stato quello tra Hiroshi Tanahashi e Jay White, che ha visto il leader del Bullet Club prevalere. Nonostante il Bullet Club non se la passi alla grande, visti gli screzi avuti tra Robbie Eagles ed El Phantasmo nel 6 man tag team match precedente. Le BOSJ Finals non hanno solamente garantito qualità nel lottato. Uno dei fattori principali per la sua riuscita, è stato il buzz creato dal promo di Chris Jericho nei confronti di Okada e soprattutto quello del debutto di Jon Moxley in NJPW. Il quale ha immediatamente conquistato l’IWGP U.S Championship, contro Juice Robinson. In un match certamente duro, forse troppo per gli standard che ci si potevano aspettare. Cambio di look, cambio di theme e una personalità ancora più aggressiva. Queste le basi su cui è iniziato il nuovo stint di Moxley.

Riassumendo

In conclusione, il BOSJ 2019 è stato un vero successo, a dispetto di quello che si dice della NJPW. Normale pensare ad un declassamento dopo l’avvento della AEW. Ma finché resteranno la qualità e la quantità di talenti da sfoggiare, non credo che la principale federazione giapponese possa attraversare alcun tipo di crisi. L’appuntamento è tra due giorni, con Dominion 6.9 ad Osaka, ci sarà da prestare attenzione, senza dubbio.