Report G1 Climax 29 28-07-2019 | Day 10

Report G1 Climax 28-07-2019 | Day 10: Lettori di The Shield Of Wrestling, bentornati nella nostra rubrica dedicata al celebre torneo della NJPW! Alla tastiera Michael Formica per il report della decima giornata del G1 Climax, oggi tocca al blocco B!

Vi invitiamo a leggere la nostra preview del G1 Climax 29 per sapere a grandi linee cosa accadrà anche in questa giornata del torneo più importante del puroresu.
1 vs 1 Single Match: Ren Narita sconfigge Yuya Uemura
3 vs 3 Tag Team Match: Bullet Club (Bad Luck Fale, Yujiro Takahashi & Chase Owens) sconfiggono Kota Ibushi, Tomoaki Honma & Toa Henare
4 vs 4 Tag Team Match: Suzukigun (Lance Archer, Zack Sabre Jr., Minoru Suzuki & Yoshinobu Kanemaru) sconfiggono Kazuchika Okada, Will Ospreay, YOSHI-HASHI & Shota Umino
3 vs 3 Tag Team Match: Los Ingobernables de Japon (EVIL, SANADA & BUSHI) sconfiggono Hiroshi Tanahashi, KENTA & Karl Fredericks

G1 CLIMAX 29 B BLOCK MATCH: HIROOKI GOTO [2] vs. TORU YANO [4]

Il Blocco B è ancora aperto e molti lottatori sono alla ricerca di punti preziosi. Una vittoria per Yano gli consentirebbe di restare dietro a Robinson e Moxley mentre due punti preziosi per Goto lo rimeterebbero in careggiata. Il match si apre con una serie di roll-up da parte di quest’ultimo che cerca di chiudere subito il match. Ironia della sorte, a pochi minuti dall’inizio dell’incontro sarà proprio Yano a chiudere il match con un roll-up vincente.

VINCITORE: TORU YANO

G1 CLIMAX 29 B BLOCK MATCH: JUICE ROBINSON [6] vs. TOMOHIRO ISHII [4]

I due iniziano l’incontro senza esclusione di colpi e a ritmo molto intenso. Robinson vuole raggiungere Moxley in vetta alla classifica e Ishii non vuole di certo restare indietro. Lo Stone Pitbull impone presto la partita secondo i suoi ritmi ma tra i due non mancano le provocazioni. Il Moon Child prova a far valere la sua altezza e la sua tenacia ma Ishii è un muro. Ci vuole una Spinebuster per metterlo momentaneamente a tappeto e Robinson inizia a crederci ma Ishii sembra inamovibile. Robinson colpisce ripetutamente l’avversario tentando persino una Hurricanrana dalla terza corda che non solo non sposta l’avversario ma che si scaglia su di lui con un Diving Knee Drop efficace.

Backdrop di Ishii, troppo presto per chiudere il match e il conteggio è fermo a due.

Lo Stone Pitbull chiude all’angolo Robinson e inizia a colpirlo a suon di pugni e schiaffi. Nel combattimento da strada, Ishii prevale nettamente sul suo avversario ma la stazza premia Robinson che connette un Superplex dalla terza corda. Ishi si rialza, Powerslam, Robinson si rialza. Nessuno dei due sembra cedere, ennesimo scambio di colpi che porta entrambi i contendenti al tappeto. Il pubblico è tutto per il nipponico che inizia a crederci. Altro scambio di colpi, l’incontro ormai è diventato una scazzottata continua. Ishii barcolla e Robinson esegue una Juice Box ma il conteggio è fermo a due. Il Moon Child prova a chiudere l’incontro, dopo uno scambio di mosse e contro mosse riesce ad eseguire una Falling Powerbomb che lo porta nuovamente al conto di due. Ishii vuole vendere cara la pelle e con una Enziguri Kick stende l’avversario riprendendo fiato. Running Clothesline ma anche per lo Stone Pitbull l’esito è lo stesso. Robinson esegue una Jackhammer inaspettata e vuole chiudere la contesa. Prova a connettere la Pulp Friction ma Ishii lo trasforma in un Suplex per poi affondare con un Lariant micidiale che non basta a portare il conteggio a 2. Ci riprova con una Ishii Driver e porta a casa la vittoria.

VINCITORE: TOMOHIRO ISHII

G1 CLIMAX 29 B BLOCK MATCH: JEFF COBB [2] vs. TAICHI [4]

The Monster è in cerca di riscatto e Taichi ha la sfortuna di trovarsi lungo il suo percorso. I due si stringono la mano, si rimettono in posizione e iniziano a studiarsi l’un l’altro. Taichi distrae l’avversario grazie alla sua valletta accompagnatrice e cerca di prendere vantaggio. Eppure, Cobb non a caso ha il nickname di The Monster e impone subito la sua legge. I due finiscono fuori dal ring e Taichi sfrutta nuovamente la valletta per distrarre l’avversario per poi colpirlo con un oggetto. Si finisce al tavolo di commento e vengono utilizzate anche sedie e cavalletti per videocamere per indebolire Cobb.

Rientrati all’interno del quadrato, Taichi schernisce l’avversario che presto reagisce alle provocazioni facendo valere tutta la sua potenza.

Clothesline all’angolo e Samoan Drop stendono Taichi che riesce comunque ad evitare una Standing Moonsault. Taichi prova l’offensiva ma The Monster ristabilisce l’ordine. La troppa sicurezza porta Cobb a commettere delle imprecisioni che vengono sfruttate dall’avversario il quale mette a segno una serie di calci micidiali. Conteggio appena di due, non basta. Cobb sembra recuperare terreno e Taichi sente la pressione addosso, è costretto a finire l’incontro prima che sia troppo tardi. Una sequenza di colpi e suplex si trasforma in un Piledriver a favore di The Monster che non capitalizza subito il conteggio ottenendo soltanto un due. Cobb tenta la Tour of the Islands ma Taichi la rovescia in un roll-up che ha rischiato di essere fatale. Una volta rialzati, i due iniziano a scambiarsi una serie di colpi che si concludono con una Tour of the Islands che va a segno portando Cobb alla vittoria.

VINCITORE: JEFF COBB

G1 CLIMAX 29 B BLOCK MATCH: SHINGO TAKAGI [4] vs. JAY WHITE [2]

Parlando di riscatto, il leader del Bullet Club, Jay White, sta portando a casa una serie di sconfitte che stanno minando il suo status. Una vittoria è necessaria sia per non dire addio al torneo e sia per non uscirne umiliato. Dall’altra parte, il membro dei Los Ingobernables de Japón vuole proseguire la sua ottima prestazione all’interno del G1 Climax. Jay White sfrutta l’ingenuità dell’avversario per iniziare con un vantaggio ma la scaltrezza di Takagi gli consente di recuperare la distrazione. Si combatte fuori dal ring, Gedo prova ad interferire e il tentativo apre uno spiraglio allo Switchblade che mette a segno una DDT. White colpisce l’avversario scaraventandolo più volte contro il ring e le transenne. Tornati all’interno del quadrato, i due iniziano a scambiarsi numerosi colpi dove a prevalere è proprio Takagi. Dopo un Suplex e una DDT il conteggio è fermo a due, offensivo troppo debole per chiudere il match.

L’astuzia di Jay White trae in inganno Takagi e recupera terreno con uno Snap Suplex eseguito scaraventandolo contro il paletto.

Segue una Brainbuster, conteggio appena di due. Emerge la determinazione di Takagi, nuovo scambio di colpi ma White pare prevalere e una Uranage Slam mette a terra l’avversario. Lo Switchblade connette la Kiwi Krusher ma non basta. Il pubblico è tutto per il membro dei Los Ingobernables de Japón che reagisce in ogni modo l’egemonia del leader del Bullet Club. Ennesimo scambio di colpi, Takagi recupera terreno ma deve nuovamente fare i conti con la scaltrezza di White che questa volta non basta per dominare il match. Si accelera, il ritmo aumenta e nessuno dei due riesce a connettere la propria mossa finale quando ad un tratto Takagi esegue un Facecrusher. Conteggio di due, segue un’altra serie di mosse da parte di The Dragon ma ancora tutto fermo nonostante una Pumping Bomber. Prova a connettere la Last Falconry ma White si aggrappa all’arbitro, interviene anche Gedo che viene rispedito al mittente. Last Falconry ma White si salva a pochi cm dal conteggio di tre. Due Snap Suplex di White ristabiliscono l’ordine, segue una Brainbuster e una Blade Runner che lo portano alla vittoria.

VITTORIA: JAY WHITE

G1 CLIMAX 29 B BLOCK MATCH: TETSUYA NAITO [4] vs. JON MOXLEY [8]

Si arriva al main event, un dream match che vede contrapporsi due dei wrestler più carismatici della NJPW. Naito vuole recuperare terreno e Moxley vuole consolidare la prima posizione in classifica. Due campioni a confronto, quello Intercontinentale e quello degli Stati Uniti, chi ne uscirà vincitore? Suona la campanella ed è subito scazzottata tra i due. Naito provoca Moxley in ogni modo che sfrutta la sua scarsa pazienza per andare in vantaggio. Si finisce fuori dal ring ma la rissa da strada è il mondo di Moxley e i due ingaggiano una lotta tra il pubblico. L’arbitro richiama gli atleti a tornare all’interno del quadrato ma Moxley prosegue con la sua opera di distruzione.

Tra lanci lungo le barricate e colpi pesanti, l’ex Dean Ambrose non esita a schernire l’avversario imitando i suoi gesti più celebri.

Il pestaggio continua all’interno del quadrato. Uranage Slam, entrano in gioco le sedie. Moxley vuole infierire ma l’arbitro lo ferma consentendo a Naito di colpirlo a sua volta con una sediata. Naito ha il controllo del match. Una serie di Dropkick rimarcano il suo vantaggio ma Moxley vende cara la pelle. Si arriva alla terza corda, Moxley esegue un Butterfly Suplex e Naito cade stremato al suolo. Tenta un Running Knee ma Naito trasforma tutto in un Tornado DDT sfruttando le corde finendo entrambi al tappeto. Una volta rialzati, la contesa aumenta di ritmo. Frankensteiner dalla terza corda, Naito ci crede ma un Pendulum Lariat scaraventa nuovamente Naito a terra. DDT e Running Knee, conteggio fermo a due. Moxley cerca di connettere la Death Rider ma Naito reagisce, i due si mordono a più riprese e arriva la Destino di Naito. Conto di due. Moxley reagisce, Death Rider, conteggio ancora a due. Moxley ci crede, Butterfly Death Rider e per Naito non c’è scampo!

VINCITORE: JON MOXLEY

[table “” not found /]


[table “” not found /]

Se volete far parte della nostra community entrate nel gruppo Telegram.

Per partecipare alle nostre periodiche chiacchierate entrate a far parte del nostro server Discord.

Altre storie
Edge
Edge sarà a WrestleMania?