in ,

Rising Sun Rise With Heart II Review

Rising Sun Rise

Rising Sun Rise With Heart II Review. Siamo ai titoli di coda dell’anno 2019 anche per la Rising Sun, che si presenta all’evento settembrino con una card interessante e piena di giovani. Il pubblico ha risposto in maniera entusiasta.

Potete trovare questa notizia e tutti i nostri contenuti anche sulla nostra app. SCARICALA QUI!

Sono Donato Nesta e oggi vi racconterò cosa è successo a Pero (Milano) il giorno 28 settembre 2019 nell’evento Rising Sun Rise With Heart II.

Rising Sun Rise With Heart II viene presentato da Francesco Zerini che in men che non si dica presenta sul ring due volti nuovi al SUNtuario: Lupo e Gabriel Bach.

Singles Match: Lupo vs Gabriel Bach

I due atleti forgiati in ICW e rappresentanti di due generazioni diverse aprono le danze nell’evento della Rising Sun. Poco dire sul risultato: nel giro di tre minuti Il Maschio Alfa disintegra il giovane peso leggero con una Sit-Down Chokeslam.

Tag Team Triple Threat Match: Party Hard Inc. (Jesse Jones & Trevis) vs Rebel Souls (Kronos & Steve McKee) vs More Than Hype (Darren Kearney & Nathan Martin)

La particolarità di questo incontro è la stipulazione: chiunque vinca riceverà qualcosa in palio. I Rebels Souls sarebbero finiti nel Main Event dello Stage 2, i Party Hard Inc. avrebbero reso il Main Event contro i BBB un 3 vs 2 Handicap Match ed infine i giovani irlandesi avrebbero avuto un match a loro scelta.
L’incontro è particolarmente rapido e divertente e vede un Kronos in serata battezzare i suoi avversari a suon di gomitate e Samoan Drop. La vittoria viene raccolta dal duo formato da Trevis e Jesse Jones grazie ad un Assisted Super Rolling Samoan Drop.
I Party Hard Inc. sfideranno nello stage 2 i BBB per i Rising Sun Tag Team Championship.

FCW Tag Team Championship Match: Addicted 2 Adrenaline (Joe Lando & Maverick Mayhew) (c) vs Horus & The Greatest

Il duo britannico entra nel ring vantandosi della cintura (solo una, a causa dell’assenza di Harrison Bourne) di coppia, ma il duo di casa è deciso a riportarla a casa come dimostrano i “tatuaggi” inflitti a suon di Chop da parte di TG ai due giovani.
L’incontro in se è piacevole e divertente. Il segnale più positivo è che una realtà storica come la FCW sta ridando segni di vita, come visto all’evento della Rising Sun al Brianza Comics. I vincitori sono i due esperti italiani, che riportano le cinture nel nostro Paese.

God Of Sun Championship N°1 Contendership Match: Alexander James vs AB Knight

Il giovane cavaliere, dopo una serie di prestazioni strepitose in Rising Sun e non solo, viene chiamato alla prova del 9 sfidando un wrestler internazionale su un campo che non è il suo.
Il match è apparso giustamente lento e compassato con un James che ha giocato al gatto e al topo con il giovane AB Knight costringendolo anche ad alcuni errori nelle manovre aeree prontamente trasformate in prese di sottomissione.
La vittoria è andata all’americano che nello stage 2 sfiderà Alessandro Corleone.

Singles Match: Mirko Mori vs LJ Cleary

L’atleta italiano e campione di coppia Rising Sun è uno dei wrestler più amati in Italia dai fans per il suo stile rapido e deciso, ma spesso ho trovato questo suo talento un limite. Stasera, invece, il lottatore di Brescia è riuscito a smentirmi con un match a più velocità.
La parte iniziale molto piacevole con del leggero comedy per poi arrivare nella fase centrale con dell’ottimo High Flying. Per concludere l’incontro un terrificante (in senso positivo) Piledriver che lascia i giovani irlandesi a secco di vittore in Rising Sun.

Tag Team Intergender Match: Mary Cooper & Holidead vs Italian Attitude (Mr. Malvezzi & Flavio Augusto)

Difficile valutare questo match. Il lavoro fatto dal duo romano è stato ottimo, portando sin da subito parecchio heat su di loro e l’atleta statunitense è una certezza, ma l’anello debole dell’incontro è stata la wrestler italiana Mary Cooper con una prestazione nettamente inferiore a quelle precedenti in Rising Sun.
La vittoria va a sorpresa al duo romano- Addirittura il manager Malvezzi schiena Holidead con un culla con trattenuta del costume non vista dall’arbitro.

Rising Championship Match: Andy Manero (c) vs Nick Lenders

Mi è difficile parlare di questa contesa perché è stato un incontro giocato ad alte velocità da entrambi senza errori. Nonostante ciò, il match in sè ha avuto un problema alla radice e quel problema è il poco pathos attorno al cambio di titolo.
Lenders vince il titolo nello stage 1 senza una rincorsa che avrebbe reso il suo momento meritatamente epico svalutando di fatto l’ottimo lavoro fatto da Manero fino ad oggi come campione Rising Sun.
Manero, wrestler d’esperienza e capace di mangiarsi in un sol boccone un Lenders avventato e affamato, è caduto nella trappola del giovane atleta campione di coppia Rising Sun provando a tenere i suoi ritmi,. Mentre dopo ogni mossa Lenders si rialzava immediatamente, Manero provava a fare lo stesso perdendo secondi preziosi per riprendere fiato al tappeto. Scelta coraggiosa ma poco furba, tant’è che dalla gara di manovre più spettacolari l’atleta di Brescia ne esce come Nick “Two Belts” Lenders.

Dopo i festeggiamenti sul ring, Lenders invita Mori a fare piazza pulita dei titoli Rising Sun. Viene quindi lanciata una sfida al Padrino Alessandro Corleone seduta stante. Scelta errata.

God Of Sun Championship: Alessandro Corleone vs Mirko Mori

Buonasera e arrivederci: Bicycle Kick di Corleone su Mori che viene squashato senza pietà.
Dopo l’incontro i primi segnali di split s’iniziano a percepire nei campioni di coppia Rising Sun.

STAGE 2

Tag Team Match: Age Of The Rage (Hardcore Cassi & Rust) vs Mary Cooper

Debutta in Rising Sun il giovane Rust, wrestler che mi ha piacevolmente sorpreso per le doti atletiche. Di per sé Cassi sul ring gioca più con il pubblico che con l’avversaria innervosendola.
La vittoria va alla coppia gestita da Francesco Zerini.

Triple Threat Match: Dylan Rose vs Serj Sullivan vs Steve McKee

Incontro che poteva essere tutto o niente, ammetto che è stato tutto. I partecipanti all’incontro non si sono risparmiati. Un Dylan Rose finalmente convincente ed esaltante. La sua prestazione cancella di fatto ciò che mi aveva fatto vedere in IWE Summerstom 2019. Serj Sullivan mestierante onesto proveniente da Mosca si dimostra una nell’aggiunta all’incontro. McKee, storica presenza in Rising Sun e membro fisso della MWF, con la sua professionalità fa il resto prendendosi però il pin da Dylan Rose dopo un ottimo Shiranui.

Six-Men Tag Team Match: More Than Hype (LJ Cleary, Darren Kearney & Nathan Martin) vs Addicted 2 Adrenaline (Joe Lando & Maverick Mayhew) & AB Knight

Proprio prima dell’evento pensavo a quanto mi manchi l’hype creato in Chikara per il King Of Trios, storico torneo su tre notti con i migliori trii del panorama mondiale. Stasera ho visto finalmente qualcosa da farmi brillare gli occhi.
L’incontro ha avuto tutto per essere un match di alto profilo con un inizio di presentazione dei partecipanti in cui si scambiavano i ruoli, come a introdursi al pubblico per poi arrivare al delirio generale di metà match. Fra wrestler chiusi fuori dal palazzetto, carrelli della spesa in giro fra il pubblico e tanto altro la gente non sapeva più dove guardare.
Il finale è il perfetto esempio di come degli atleti stranieri possano fare bene al wrestling italiano. L’azione è stata intesa, rapida, pulita ed in crescendo portandoci al finale dove il puro stile da High Flyer dei sei è esploso.
Vincono i MTH con un devastante Assisted Flip Piledriver. Grazie Rising Sun.

Nell’intermezzo Hardcore Cassi prende il microfono ma solamente per prenderne parecchie dal rientrante, almeno per questo segmento, Nemesi che lo asfalta in pochi minuti.

Intergender Match: Doblone vs Holidead

Far piangere è facile, è far ridere che è difficile. Doblone ci riesce praticamente sempre, ovviamente in maniera positiva.
Questo incontro è stato di natura comedy senza però dimenticare il valore degli atleti in ring tant’è che il finale non è altro che una serie infinita di scambi di culle fra i due wrestler che dice bene al rientrante Doblone.
Il risultato porta l’atleta americana a tre sconfitte su tre match in Rising Sun.

God Of Sun Championship Triple Threat Match: Alessandro Corleone (c) vs Alexander James vs Andy Manero

L’incontro è stato molto valido, ma ho avuto parecchia difficoltà a capire il senso di aggiungere alla sfida Andy Manero.
Avevo molta curiosità nel vedere lo scontro fra due pesi massimi come Alexander James ed il campione God Of Sun Corleone, ma questa scelta discutibile mi ha fatto tornare con i piedi per terra.
Corleone mantiene il titolo schienando per di più Manero, lasciandomi parecchio di stucco.

Main Event

Rising Sun Tag Team Championship 3 vs 2 Handicap Match: Brixia Bone Breakers (Mirko Mori & Rising Champion Nick Lenders) vs Party Hard Inc. (Riot, Jesse Jones & Trevis)

Lenders, con la cintura alla vita da campione Rising Sun alla vita, è sembrato indemoniato per tutto l’incontro respingendo gli assalti dei membri dei Party Hard Inc. con tutte le sue forze. Il suo partner non si è certamente risparmiato, cadendo però in qualche errorino come una Bodyslam con sotto il suo compagno e un volo fuori dal ring dove anche questa volta ha colpito Lenders.
I Party Hard Inc. invece sono stati i mattatori dell’incontro rendendo il match un autentico Rave con Pop Corn: sedie rotte, un vocalist dal dubbio talento e… Gianni Morandi?
Il barattolo di Pop Corn però era tutta una copertura perché al suo interno c’era uno spara-puntine che ha fatto la conoscenza con praticamente tutti i partecipanti dell’incontro, ne sa qualcosa Jesse Jones dato che i famosi cartelli “Jesse Section” sono stati pinzati sul suo sedere fra l’ovazione del pubblico.
Vincono i Party Hard Inc. grazie ad uno Springboard Somersault Spike Tombstone Piledriver su Lenders e così il loro Party da campioni ha avuto inizio!

Nel post match Lenders prende il microfono e dopo aver ringraziato la folla per averli sostenuti in questo anno da campioni di coppia, invita il suo partner Mori a conquistare anche lui una cintura.
Mirko, stufo forse da questo atteggiamento da super uomo di Lenders, decide di mettere nel mirino proprio la cintura del suo partner e fra il clamore del pubblico colpisce il campione Rising Sun e lo sfida per il prossimo evento in un Death Match.

Rising Sun Rise With Heart II: conclusioni

Finalmente un evento Rising Sun che sulla carta non ha avuto match deboli, anzi ogni match aveva di per sé senso fino ad arrivare al climax finale del Main Event.
Ciò che non ho apprezzato sono alcune scelte di booking e ammetto anche certi atteggiamenti altezzosi probabilmente insegnati dalla vecchia scuola.
Il carosello del wrestling in Italia si muove grazie alle promotion, ad i worker che mettono a repentaglio la loro salute (e si è rischiato parecchio), ma anche grazie ai fan che spendono tempo e denaro per vedere un evento- Ognuno di loro ha diritto a parlare e a scambiare informazioni per migliorarsi.

La Rising Sun conclude quest’anno 2019 in maniera ultra positiva. La domanda è: quale sarà lo step successivo?

Se volete far parte della nostra community entrate nel gruppo Telegram.

Per partecipare alle nostre periodiche chiacchierate entrate a far parte del nostro server Discord.

What do you think?

Written by Donato Nesta

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Cody può tornare ad usare il nome "Rhodes" in All Elite Wrestling - Cody Rhodes

Cody può tornare ad usare il nome “Rhodes” in All Elite Wrestling

CM Punk in WWE

CM Punk in WWE? Arrivano scoppiettanti notizie!