WWE | Che cos’è il King of The Ring? Struttura, regole, storia e tutto quello che c’è da sapere sull’importante torneo della compagnia di Stamford!

Come vi avevamo riportato nella mattinata di oggi, la WWE ha annunciato il ritorno del King of The Ring. Dopo quattro lunghi anni d’assenza dagli eventi della federazione di Vince McMahon torna, dunque, il torneo che ha dato lo slancio a varie carriere e che ha fatto davvero la storia della disciplina.

I partecipanti di quest’anno

Al King Of The Ring 2019 parteciperanno ben 16 atleti. Otto proverranno dal roster di RAW, mentre i restanti lottatori selezionati appartengono al roster di SmackDown Live. Per lo show rosso parteciperanno Ricochet, The Miz, Cedric Alexander, Drew McIntyre, Cesaro, Sami Zayn, Baron Corbin e Samoa Joe. Per quanto riguarda SmackDown Live, invece, i wrestler scelti per il King Of The Ring sono Elias, Kevin Owens, Chad Gable, Andrade, Shelton Benjamin, Ali, Apollo Crews e Buddy Murphy. Il torneo inizierà a partire dalla prossima settimana, con gli atleti di RAW e SmackDown Live che dovranno sfidarsi tra di loro in sfide ad eliminazione che culmineranno in una finale. Anche se non è certo e non abbiamo ulteriori dettagli, è molto probabile che l’ultimo atto della competizione si disputerà durante il prossimo PPV della WWE, Clash of Champions.

La storia

Il King Of The Ring si tenne per la prima volta nel 1985, dove a trionfare fu Don Muraco. Si tenne con cadenza annuale dal 1985 al 2002 (eccezion fatta per il 1990 e il 1992) mentre dal 2003 ad oggi si sono svolte solamente cinque edizioni del torneo. Tra il 1993 e il 2002, inoltre, il KOTR aveva un pay-per-view interamente dedicato in cui venivano disputate le fasi finali del torneo.

Un trampolino per la carriera

Come già detto in precedenza, il King Of The Ring era considerato come un torneo davvero importante. Molti wrestler hanno infatti sfruttato la vittoria nel KOTR per dare una svolta alla propria carriera. Bret Hart, ad esempio, è riuscito a vincere due edizioni di fila del torneo: sia quella del 1991 che quella del 1993. “Stone Cold” Steve Austin iniziò la sua ascesa verso il successo con la vittoria dell’edizione del torneo del 1996. Proprio dopo la finale del 1996 Steve Austin utilizzò per la prima volta lo storico “Austin 3:16”, che è diventato uno dei più popolari slogan nella storia del wrestling. Tra gli altri vincitori possiamo ricordare Harley Race (1986), Kurt Angle (2000), Edge (2001) e Brock Lesnar, che vinse l’edizione del 2002.

Ma adesso?

Negli ultimi anni il valore del King Of The Ring è notevolmente calato. Oltre a non essere più stato disputato con cadenza regolare, il torneo non ha nemmeno più avuto un evento dedicato. Le poche edizioni che si sono disputate, infatti, sono state “spalmate” tra le puntate di RAW e SmackDown, con match e vincitori a cui è stata data poca rilevanza. Nel 2015, quando a trionfare fu Bad News Barrett, al torneo non venne dato spazio televisivo ma fu semplicemente mandato in onda uno speciale sul WWE Network. Gli ultimi quattro vincitori del King Of The Ring sono stati Booker T (nel 2006), William Regal (2008), Sheamus (2010) e, appunto, Bad News Barrett nel 2015.

Se volete far parte della nostra community entrate nel gruppo Telegram

Per partecipare alle nostre periodiche chiacchierate entrate a far parte del nostro canale Discord