in ,

Report ROH 29-04-2019

Report ROH

Report ROH 29-04-2019: Popolo di The Shield Of Wrestling, benvenuti! Alla tastiera Alessandro “Jin” Leone per il report dell’ultima puntata di ROH!

Puntata di ROH aperta da Matt Taven (che, ricordiamo, è diventato World Champion a G1 Supercard, al Madison Square Garden, nel Ladder Match con Marty Scurll e l’ex campione Jay Lethal). Prima percorre la rampa in silenzio, poi parte la sua musica del Kingdom. Quasi tutti lo fischiano, ma lui pensa soltanto a quei pochi sostenitori, dando ragione ai loro cori. Nessuno, a detta sua, è meritevole di farsi chiamare campione quanto lui. Ricordando il suo ultimo anno tra ROH e CMLL, ora tutti i suoi sfidanti dovranno guadagnarsi la title shot. Si presenta qualcuno che la chance titolata ce l’ha da tanto: Flip Gordon! Ricordiamo infatti che Flip ha vinto il torneo Sea Of Honor sulla Jericho Cruise. Per Taven non c’è confronto tra la sua vittoria e quella dell’ex membro dell’esercito statunitense, dato che sulla crociera “erano tutti mezzi ubriachi”. Per i dirigenti, però, Gordon è ufficialmente il n°1 contender.

Video recap della violenta faida tra Jonathan Gresham e Silas Young. A breve ci sarà un altro scontro tra i due. Young vuole dimostrare di poter battere Gresham lealmente, con una manovra di wrestling.

SINGLES MATCH: JONATHAN GRESHAM VS SILAS YOUNG

Inizio aggressivo a dir poco da parte di entrambi, con una grande percezione di odio e con l’arbitro che li allontana spesso. The Last Real Man infastidisce parecchio The Octopus con del thrash talking ed alcuni colpi secchi, tra i quali un pugno a mano chiusa che porta ad un ammonimento dell’arbitro. Young sembra non farsene un problema, ma al rientro dalla pubblicità in vantaggio c’è Gresham. DDT e Young rotola fuori dal ring, impugnando una sedia e nascondendo il martello per la campana nelle mutande. L’arbitro gli prende la sedia e lui ne approfitta colpendo Gresham col martello. Successivamente c’è un Abdominal Stretch e l’arbitro chiama la chiusura perché Gresham non risponde più.

VINCITORE: SILAS YOUNG

Dopo un video recap del turn face di Kelly Klein, della sua vittoria titolata contro Mayu Iwatani e del debutto dell’Allure (Mandy Leon e le nuove arrivate Velvet Sky e Angelina Love), viene mandato un promo della campionessa in una strada deserta. Per lei, il WOH World Championship riguarda l’abilità ed il wrestling, non l’avere attenzione. La Klein è pronta a ripulire la situazione.

Video recap della vittoria di Rush in sedici secondi contro Dalton Castle.

Altro video recap, con Bully Ray che nel backstage schianta Tenille Dashwood su un tavolo. Ai microfoni ora ci sono due compagni nel LifeBlood dell’australiana, Mark Haskins e Tracy Williams, anche loro (insieme a Juice Robinson) coinvolti. La rivincita di G1 Supercard non è sufficiente. Settimana prossima chiuderanno la faccenda col Kingdom, poi toccherà a Ray.

TAG TEAM MATCH: THE BRISCOES (JAY BRISCOE & MARK BRISCOE) VS CARISTICO & SOBERANO JR.

Controllo sia dentro che fuori dal ring dei due fratelli, che bloccano l’offensiva nemica. Reazione con la classica lucha libre non perfettamente efficace. L’ex Sin Cara viene messo fuori dai giochi. Death Valley Driver su Soberano e Redneck Boogie ma kick-out. Nessun problema: Jay Driller prima, Froggy-bow dopo.

VINCITORI: THE BRISCOES

Per oggi è tutto. Settimana prossima: Kingdom vs LifeBlood, Eli Isom vs PJ Black e Kelly Klein vs Ray Lynn.

What do you think?

Written by Alessandro "Jin" Leone

Membro di The Shield Of Wrestling da luglio 2018. Newsboarder, Reporter, Podcaster ed anche altro. A partire dall'anno 2018/2019 frequenta un ITE ed è intenzionato a continuare nel settore economico. Attivista politico. Nel tempo libero è tifoso dell'Inter, predilige la musica metal e s'interessa di diversi ambiti del mondo nerd.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

RAW Ups&Downs

RAW Ups&Downs | 29-04-19 | A moment of Money

Money In The Bank

Money In The Bank: i 3 atleti a cui servirebbe davvero la valigetta